Mutui: perché ora sono così bassi
EPA/STEPHANIE LECOCQ
Mutui: perché ora sono così bassi
Economia

Mutui: perché ora sono così bassi

Che sia a tasso fisso o variabile oggi come oggi stipulare un mutuo conviene

Mai così conveniente. Stipulare un mutuo oggi - anziché a gennaio - che sia a tasso fisso o variabile permette di risparmiare circa 300 euro l'anno.

Il merito è della politica di Mario Draghi, direttore della Bce, e della scontata - secondo i mercati - decisione di tagliare i tassi sui depositi di ulteriori 10 punti base.

Questo clima economico di rinnovata fiducia ha fatto sì che il costo medio del mutuo a tasso fisso a giugno sia sceso all'1,68%: il più basso di tutti i tempi. 

Effetto Draghi

Quello che sta accandendo è che gli indici Eurirs (che stabiliscono la rata fissa il giorno della stipula) hanno ritoccato al ribasso i precedenti minimi (-0,328%). Minimo storico anche per l'Euribor a un mese, cioè l'indice mensile del tasso variabile che ha raggiunto lo 0,398%

L'atteso ulteriore taglio del tasso sui depositi determinerà un ulteriore ribasso delle rate dei mutui visto che le banche non sembrano intenzionate ad alzare lo spread per neutralizzare l'effetto dei tagli e paiono seguire l'orientamento che la politica di Draghi sta dando all'economia europea bisognosa di un colpo d'aceleratore per riprendere giri.

Ora tocca alla Fed

Dello stesso orientamento anche la Fed, che, dopo aver a lungo tentennato osteggiando il taglio dei tassi, ora si appresterebbe a seguire la direzione europea per stimolare anche l'economia a stelle e strisce. 

Se tutto dovesse proseguire come le due banche centrali più importanti d'occidente stanno indicando entro fine anno chiunque stipulerà un mutuo (ma anche i vecchi titolari) risparmierà nei successivi 12 mesi almeno 300 euro. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti