EMMANUEL DUNAND/AFP
Economia

Moody's taglia le stime del pil italiano

Per l'agenzia di rating il prodotto interno lordo scenderà dello 0,1% nel 2014. A rischio i target di deficit e debito. E l'attuazione delle riforme

Moody's taglia 
le stime del Pil italiano per il 2014 e rivede al rialzo quelle relative a deficit e debito. Una contrazione dello 0,1% nel 2014, contro il +0,5% 
previsto in precedenza. La nuova recessione in cui si trova il Paese - sottolinea l'agenzia  
- "renderà più difficile la riduzione del debito e del Pil 
e sarà anche più arduo politicamente attuare le misure 
economiche strutturali". Moody's prevede inoltre che l'Italia 
non riuscirà a raggiungere i target di deficit del 2014 
(2,6%) e del 2015 (1,8%). L'agenzia prevede il 2,7% in  
entrambi gli anni, "con significativo rischio di revisioni al 
rialzo". Il debito/Pil èatteso in aumento fino al 136,4% 
nel 2014 per poi scendere al 135,8% nel 2015.


"L'Italia è in ritardo rispetto agli altri Paesi periferici dell'area euro sulle riforme strutturali", il cui cammino è reso ora ancora più difficile dalla recessione" continuano gli analisti. "La debolezza del quadro economico rende più complicate l'approvazione e l'attuazione del piano di riforme strutturali" annunciato dal governo di Matteo Renzi,. Il piano è "ambizioso", ma "la lentezza dell'azione di riforma suggerisce che la popolarità del governo (che è stata dimostrata dall'esito delle elezioni europee) non si è ancora tradotta in uno slancio politico che porti ad approvare e ad attuare" un quadro più ampio di riforme. "Tale lentezza e le carenze nella performance dei conti pubblici - prevede Moody's - probabilmente aumenteranno le tensioni tra l'Italia e alcuni Partner europei, in particolare la Germania".

A prova del ritardo e della lentezza italiana nel processo di riforme, Moody's riporta anche un indice dell'Ocse sulla "reattività alle riforme". L'Italia è ultima tra i Paesi periferici della zona euro, assieme all'Irlanda, con un indice pari a 0,6. Al "top" la Grecia che sfiora l'1,6, quasi il triplo rispetto alla Penisola, davanti alla Spagna che è attorno all'1,5 e al Portogallo che è sull'1,3 circa.

E sul bonus Irpef da 80 euro, gli analisti dicono: "È ancora presto per vedere l'effetto degli 80 euro sull'economia. Il bonus di cui hanno beneficiato i dipendenti a basso reddito è una misura importante", ma essendo entrata in vigore a giugno ha influito solo su uno dei tre mesi del secondo trimestre,  
rileva Moody's. "I dati del secondo trimestre mostrano una debolezza dell'economia alquanto uniforme. Servizi, manifattura e agricoltura hanno dato un contributo negativo alla crescita, le esportazioni nette hanno frenato, mentre la domanda domestica è stata neutrale", ricapitola l'agenzia nel rilevare che "l'Italia sta usando la politica fiscale per stimolare l'economia, una strategia che finora non ha tenuto il Paese fuori dalla recessione".

Ti potrebbe piacere anche