Esodati, la crisi di governo e la legge che può salvarli
Esodati, la crisi di governo e la legge che può salvarli
Economia

Esodati, la crisi di governo e la legge che può salvarli

Il premier Letta esce di scena e lascia aperto il problema dei lavoratori anziani senza pensione e senza impiego. Le vittime della riforma Fornero ora sperano nel Parlamento

Il suo ultimo atto significativo è stato un emendamento alla Legge di Stabilità, che ha tutelato nel complesso 17mila lavoratori. Ora, però, il governo Letta si appresta a uscire di scena lasciando ancora irrisolta la questione degli esodati. Si tratta, per chi non li conoscesse ancora, di tutti gli italiani che hanno firmato un accordo con la propria azienda per mettersi in mobilità in vista della pensione e che, nel 2011, sono rimasti beffati dalla riforma previdenziale dell'ex-ministro Fornero (che ha innalzato di colpo l'età del pensionamento).

GLI ESODATI E IL GOVERNO LETTA

Il problema degli esodati era nell'agenda programmatica di Letta fin dal giorno del suo insediamento ma, a quasi un anno di distanza, i lavoratori anziani che rischiano di rimanere senza stipendio e senza pensione sono ancora tanti. Ci sono infatti più di 130mila persone che sono state salvaguardate dal governo Monti e altre 30mila che, con diversi provvedimenti, sono state tutelate proprio dall'esecutivo di Enrico Letta. Totale: circa 160mila lavoratori in salvo. Peccato, però, che i conti non tornino poiché la platea degli esodati italiani è stimata nell'ordine di 330-350mila unità. Mancano dunque all'appello più 200mila lavoratori anziani che, entro il 2018, potrebbero restare disoccupati e privi dei requisiti per accedere al pensionamento.

SPERANZE A MONTECITORIO

Nei prossimi mesi, la patata bollente passerà nelle mani del governo Renzi, che dovrebbe nascere dopo le consultazioni-lampo del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ma forse la vera speranza per gli esodati arriva dal Parlamento, cioè da un provvedimento bipartisan che ha l'obiettivo (si spera raggiungibile) di risolvere una volta per tutte il problema. Si tratta di una proposta di legge che mette assieme quelle presentata già nella scorsa legislatura da alcuni deputati del Pd capeggiati da Cesare Damiano, da Renata Polverini del Pdl e da altri esponenti di Sel e della Lega.

Dall'accorpamento di tutte queste proposte, la commissione Lavoro di Montecitorio ha dato il via libera a un testo unico che, secondo le promesse del presidente della Camera, Laura Boldrini, sarà discusso in aula entro marzo. La nuova legge salva-esodati consente in sostanza l'accesso alla pensione con le vecchie regole precedenti la riforma Fornero a chi ha firmato degli accordi per mettersi in mobilità prima del 31 dicembre 2011 (a cui si aggiungono altre specifiche categorie di persone, che si trovano in situazioni particolari) . Secondo i deputati che le propongono, queste misure dovrebbero risolvere in maniera decisiva la questione-esodati. Restano però da trovare le coperture finanziarie che, nella scorsa legislatura, sono state il vero problema che ha fatto naufragare qualsiasi proposta arrivata in Parlamento. La strada, insomma, è ancora in salita.

STORIE DI ESODATI

GLI ESODATI ANTE-2010 CHE ASPETTANO I SOLDI

LA RIFORMA DELLE PENSIONI DI ELSA FORNERO

Ti potrebbe piacere anche

I più letti