ANSA/ALBERTO LANCIA
Economia

Disoccupazione in calo, perché non è una buona notizia

Il tasso dei senza lavoro è sceso a dicembre al 10,8%, il minimo dal 2012. Ma è la conseguenza del calo degli inattivi e non dell’aumento di posti

Mai così in basso dal 2012. E’ l’andamento del tasso di disoccupazione in Italia, che tra novembre e dicembre è sceso ancora di un decimo di punto, dal 10,9 al 10,8%. Erano 5 anni che non si vedevano livelli così bassi nella quota dei senza lavoro. Peccato però i dati dell’Istat sull’ultimo mese dell’anno scorso, in apparenza confortanti, rappresentino invece una doccia gelata, dopo un lungo periodo di statistiche incoraggianti.

A dicembre 2017, infatti, la quota dei senza lavoro è diminuita soprattutto per una ragione: è aumentato di 112mila unità il numero di inattivi, cioè di persone che non hanno un lavoro e neppure lo cercano. Essendo calata la quantità di italiani che vanno a caccia di un impiego, dunque, è scesa pure la quota di nostri connazionali che risultano essere disoccupati.

Occupati in calo

Contemporaneamente, è sceso anche il numero degli occupati, cioè degli italiani che hanno un lavoro, precario o stabile che sia. A dicembre, dopo un incremento costante durato molti mesi, c’erano invece 66mila occupati in meno rispetto a novembre, per un totale di poco più di 23 milioni di persone, 14,9 milioni dipendenti assunti stabilmente, 2,8 milioni a termine e 5,3 milioni autonomi.

Su base annua, il bilancio del mercato del lavoro è in sostanza positivo: nel corso dell’intero 2017, il numero di italiani che hanno un impiego è cresciuto di 173mila unità. Anche in questo caso, però, le statistiche vanno lette con attenzione. L’aumento degli occupati si concentra infatti soprattutto tra gli assunti a tempo determinato (+303mila) mentre sono diminuiti gli autonomi (-105mila) e, seppur lievemente, pure i dipendenti stabili (-25mila).


Speranze per il 2018

A ben guardare, insomma, il calo della disoccupazione registrato a dicembre non è in realtà una buona notizia. La speranza è che nel 2018 vi sia una nuova inversione di tendenza e una ripresa del numero di posti di lavoro. Proprio nello stesso giorno in cui l’Istat ha pubblicato i suoi dati, Unioncamere e l’Anpal (l’agenzia per le politiche attive sul lavoro) hanno diffuso un rapporto che stima le ricerche di personale da parte delle aziende nel primo trimestre del 2018. Tra gennaio e marzo di quest’anno, le imprese italiane prevedono di assumere oltre 1,2 milioni di persone. Non resta da augurarsi che queste semplici intenzioni si trasformino presto in realtà.

Per saperne di più:

Ti potrebbe piacere anche