Dipendenti statali e pensionamento obbligatorio, cosa cambia
Luigi Mistrulli/Ansa
Dipendenti statali e pensionamento obbligatorio, cosa cambia
Economia

Dipendenti statali e pensionamento obbligatorio, cosa cambia

Il ministro della Pa, Marianna Madia, ha emanato la circolare che costringe i lavoratori pubblici più anziani a mettersi a riposo. Ecco le novità

Con più di 6 mesi di ritardo,alla fine la circolare è arrivata. E' quella con cui il ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, abolisce il trattenimento in servizio, cioè la possibilità per i dipendenti statali di rimanere al lavoro per due anni, anche dopo aver maturato il diritto alla pensione. Presto non sarà più così: non appena compiono l'età minima per mettersi a riposo, gli statali dovranno andare a casa. A stabilirlo è un decreto approvato dal governo nel giugno dell'anno scorso, che aveva però bisogno di una circolare esplicativa da parte del ministero. Ora la circolare è giunta in porto e, dopo un ultimo passaggio di fronte alla Corte dei Conti, abolirà presto il trattenimento in servizio. Ecco di seguito, 5 cose da sapere per capire le nuove norme, che hanno lo scopo di svecchiare gli organici della pubblica amministrazione.


Cos'è il trattenimento in servizio

Il trattenimento in servizio è un istituto che consente agli impiegati statali più anziani, che raggiungono l'età pensionabile, di restare al lavoro per altri due anni. In pratica, visto che l'età pensionabile è fissata oggi a 66 anni, fino qualche mese fa i lavoratori pubblici potevano stare al proprio posto sino a 68 anni. Va ricordato, però, un particolare importante: prima del 2008, il trattenimento in servizio era un diritto inalienabile per tutti gli impiegati statali. Poi, la riforma voluta dall'ex-ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ha stabilito invece che il dipendente intenzionato a restare in servizio deve presentare domanda al proprio ente. Quest'ultimo  può anche rifiutarla se non ci sono “esigenze organizzative e funzionali” che rendono necessaria la prosecuzione del rapporto di lavoro.


Leggi anche: La riforma della pubblica amministrazione

L'abolizione

Il decreto legge 90/2014, cioè la prima riforma della pubblica amministrazione che porta la firma del ministro Madia, abolisce definitivamente il trattamento in servizio. Il dipendente statale deve dunque mettersi a riposo, anche se non vuole, quando matura gli anni di carriera necessari per avere la pensione anticipata (42 anni e mezzo per gli uomini e 41 anni e mezzo per le donne) o raggiunge l'età della pensione di vecchiaia (66 anni e tre mesi). In ogni caso, la pubblica amministrazione è comunque obbligata a trattenere in servizio fino a 70 anni il lavoratore che non ha ancora raggiunto la soglia minima di contributi per accedere al pensionamento (20 anni).


Leggi anche: I dipendenti pubblici e il Jobs Act

Quando si applicano le nuove norme

La riforma Madia prevedeva inizialmente che i trattenimenti in servizio già in essere dovevano cessare entro il 31 ottobre 2014. Visto che questo termine è già scaduto, la circolare del ministro dice ora che i lavoratori pubblici ancora in attività devono mettersi subito a riposo, se hanno raggiunto l'età pensionabile. Stesso discorso per i trattenimenti in servizio disposti prima del 25 giugno 2014 (data di approvazione del decreto legge di riforma della Pa) ma non ancora efficaci, che devono dunque esse immediatamente revocati.


Leggi anche: Statali, cosa cambia per lavoro e pensioni

Esclusi i magistrati

Un'eccezione è prevista per i magistrati ordinari, amministrativi, contabili e militari, per i quali i trattamenti in servizio saranno aboliti soltanto dal 2016. I giudici che hanno già maturato il diritto alla pensione potranno dunque rimanere in attività sino alla fine dell'anno o fino alla scadenza del trattenimento in servizio, se è fissata prima del 31 dicembre 2015.


Le regole per i dirigenti medici

Per il personale medico che occupa posizioni dirigenziali nelle Asl e nelle strutture sanitarie pubbliche, restano in vigore le regole già presenti anche prima della riforma Madia. I camici bianchi con incarichi manageriali devono mettersi a riposo a 65 anni o con 40 anni di contributi, purché la loro età non sia superiore a 70 anni.


I più letti