Il peso della Catalogna nell'economia della Spagna
Epa Photo/Ansa
Il peso della Catalogna nell'economia della Spagna
Economia

Il peso della Catalogna nell'economia della Spagna

Con la secessione della regione di Barcellona, Madrid perderebbe un quinto dell'economia nazionale, tra industria e servizi

Cosa accadrebbe se la Catalogna raggiungesse l'indipendenza dal governo di Madrid come vorrebbe chi ha votato al referendum di domenica 1 ottobre?

La Spagna perderebbe circa il 16% della propria popolazione, cioè 7 milioni e mezzo di abitanti, su un totale di oltre 47 milioni. Ma è nell'economia, più che nella demografia, che l'assetto della Penisola Iberica subirebbe un grande scossone. La Catalogna infatti è una delle regioni più ricche e industrializzate del Sud Europa e la sua eventuale separazione da Madrid ridimensionerebbe certamente il peso della Spagna nello scacchiere economico continentale.

Più di un quinto del pil

Nella regione catalana, infatti, vengono realizzati oltre il 20% del pil spagnolo e il 23% della produzione industriale. Sempre in Catalogna, su un territorio di 32mila chilometri quadrati, hanno impiantato una sede circa 5.700 multinazionali estere, cioè quasi la metà (per l'esattezza il 46%) di tutte quelle che hanno deciso di investire in Spagna . Il 16% circa delle aziende straniere presenti a Barcellona e dintorni arriva dalla Germania, il 14% dalla Francia, il 13% dall'Olanda, il 9% circa dall'Italia, la stessa percentuale dagli Stati Uniti mentre una quota dell'8% è rappresentata da imprese britanniche. Questo almeno è quanto riportano i dati della Catalonia Trade&Investment, l'agenzia che si occupa di attrarre gli investimenti nella regione.


Per descrivere l'appeal del suo territorio, la Catalonia Trade&Investment snocciola una serie di cifre incontestabili, a cominciare da quelle sul commercio internazionale. Il 25% dell'export spagnolo viene generato infatti proprio in Catalogna, che indirizza sui mercati stranieri circa il 30% del proprio pil. Tra i prodotti più esportati, ci sono quelli chimici (16% del totale), le auto e i componenti per l'industria motoristica (16,3%), i cibi e le bevande (11,6%), i tessuti e l'abbigliamento (7,6%), i medicinali (6.9%) e i macchinari (6,3%).


Disoccupazione sotto la media

Inoltre, nell'area catalana il pil pro capite è superiore alla media nazionale e persino continentale: 27.600 euro contro i 24.100 della Spagna. Anche sul fronte dei senza-lavoro, la regione che ha come capitale Barcellona vanta delle cifre migliori rispetto al resto del paese con una disoccupazione del 13,2%, indubbiamente alta ma inferiore all'oltre 17,2% della media nazionale. La Catalogna, insomma, è senza dubbio una regione dinamica dal punto di vista economico e imprenditoriale, come sa bene chi già la conosce. Giunti a queste conclusioni, però, sorge spontaneo un interrogativo: questo grande appeal produttivo rimarrebbe intatto, se vi fosse la separazione da Madrid? Gli indipendentisti che hanno votato il 1° ottobre pensano di sì. Lontano da Barcellona, invece, sono in molti ad avere un'opinione diversa.


 Per saperne di più:


Ti potrebbe piacere anche

I più letti