BlackBerry ci ripensa: no al piano di vendita
BlackBerry ci ripensa: no al piano di vendita
Economia

BlackBerry ci ripensa: no al piano di vendita

Il gruppo canadese rifiuta la proposta del suo principale azionista pronto a rilevare la società. Lascia il ceo Heins

BlackBerry abbandona il piano di vendita. Il gruppo canadese, che ha inventato i celebri smartphone con la tastiera QWERTY ma che in pochi anni ha perso la leadership di mercato alle spalle di Samsung e Apple, tenterà di rialzarsi da solo: ha detto no alla proposta del suo principale azionista, il colosso assicurativo Fairfax Financial, di rilevare la società in un'operazione di 4,7 miliardi di dollari.

Fairfax, invece, ha accettato di investire, tramite debito convertibile, 1 miliardo di dollari nella società assieme ad altri investitori istituzionali.

L'annuncio del dietrofront, neanche a dirlo, non è piaciuto a Wall Street: i titoli Blackberry sono affondati durante le contrattazioni, arrivando a cedere oltre il 20%.

Il no di BlackBerry chiude le porte anche all'offerta alternativa, come riporta l'edizione online del Wall Street Journal, che era stata avanzata nei giorni scorsi dai fondatori del marchio Mike Lazaridis e Doug Fregin, che detengono ad oggi l'8% del gruppo, assieme a Qualcomm e Cerberus Capital Management, per tentare di risollevare un colosso che, secondo i dati di IDC, un tempo controllava più della metà del mercato dei cellulari negli USA e che oggi è costretto ad accontentarsi di poco più del 2%.

Ma i colpi di scena non sono finiti.

Il gruppo, infatti, in una nota ha annunciato anche un giro di poltrone ai vertici: il ruolo di amministratore delegato fino ad oggi ricoperto dal tedesco Thorsten Heins viene assunto ad interim da John S. Chen, ex ceo del produttore di software Sybase (controllato dal colosso tedesco SAP) che siede anche nel board della banca Wells Fargo e della Walt Disney.

Leggi l'articolo integrale: BlackBerry Abandons Sale Process

Ti potrebbe piacere anche

I più letti