Bill Gates, Sergey Brin, Jeff Bezos: come spendono i soldi i milionari
Bill Gates, Sergey Brin, Jeff Bezos: come spendono i soldi i milionari
Economia

Bill Gates, Sergey Brin, Jeff Bezos: come spendono i soldi i milionari

Isole, fondazioni, regate, ma anche maxi orologi da 60 metri: ecco come chi ha fatto fortuna con la tecnologia investe i propri denari

Sono abili a guadagnare e non hanno paura di spendere. Business Insider rivela come investe la propria fortuna chi è diventato ricco con la tecnologia. Il co-fondatore di Oracle Larry Ellison, per esempio, è noto per le sue spettacolari e fallimentari (a parte la vittoria nel 2010 dell’America’s Cup) partecipazioni alle regate. Lo scorso ottobre, un altro dei suoi catamarani in titanio da otto milioni di dollari si è ribaltato durante una regata dell'America's Cup World Series ed è stato trascinato al largo dalle correnti nella baia di San Francisco.

Il team di Oracle ha dovuto inviare nove barche per recuperare quello che rimaneva del catamarano. Dopo i 50 milioni di dollari necessari per partecipare alla gara, dunque, Ellison ha staccato un nuovo assegno per rimediare al danno. Una goccia in un mare (di soldi), visto che lo scorso anno Mr Ellison ha speso 600 milioni di dollari per acquistare Lanai , un’isola alle Hawaii e una cifra riservata per la sua decima residenza a Malibù. Nonostante gli interessi profani, il manager non rinuncia alla filantropia. La sua Ellison Medical Foundation , dedicata alla cura delle malattie collegate all’età, ha beneficiato finora di circa un miliardo di dollari da parte del fondatore.

Dopo aver sostenuto attraverso la fondazione a cui ha dato vita con la moglie Melinda una serie di problemi sociali come la salute, l’educazione e l’agricoltura, nell’ultimo anno Bill Gates ha puntato alle toilette. Con il suo “Reinvent the Toilet Fair ” ha invitato università e scienziati a ripensare il problema e a trasformare le scorie in risorse utili. Il co-fondatore di Microsoft Paul Allen , che ha una fortuna stiamata di oltre 14 miliardi di dollari, è noto per aver acquistato team sportivi, per aver costruito un museo del rock e della pop culture, per la sua collezione di aeroplani della Seconda Guerra Mondiale e per “Octopus”, un yacht lungo 414 piedi che costa venti milioni di dollari l’anno in spese di manutenzione. Allen, però, ha anche investito mezzo miliardo di dollari nella ricerca sull’Alzheimer.

Famoso per la sua attenzione al business dell’ambiente , Vinod Khosla, co-fondatore di Sun Microsystems, sta finanziando una start up che si occupa di trasformare proteine, grassi e fibre vegetali in un hamburger che nulla ha da invidiare a quelli di manzo. La sua promessa è che nessuno si accorgerà della differenza. Khosla, però, non si ferma qui e aggredisce anche il formaggio, le caramelle e il sale. L’obiettivo? Farne tre prodotti che, senza rinunciare al gusto, siano meno dannosi per la salute. Sulla stessa falsariga si muove, Biz Stone, co-fondatore di Twitter e appassionato sostenitore dell’alimentazione vegana. La sua fondazione Biz and Livia Stone , infatti, sostiene Beyond Meat , una società che sviluppa proteine vegetali come sostitute della carne. A quanto pare, i primi polli “artificiali” saranno disponibili già quest’anno.

Il fondatore di Paypal e finanziatore di Facebook Peter Thiel, fra altre attività , sostiene la ricerca medica per aiutare la longevità. La Thiel Foundation, infatti, contribuisce a una serie di progetti di ricerca sull’anti-age, come Strategie for Engineered Negligible Senescence , che spera di invertire il processo di invecchiamento.

Il co-fondatore di Google Sergey Brin ha scelto di aggredire il Parkinson, malattia di cui soffre la madre. 23andMe , la fondazione a cui partecipa la moglie Anne Wojcicki, è sostenuta da Google Ventures e ha come obiettivo di salvare Brin e altri che come lui corrono il rischio di contrarre questa malattia. Ma l’investimento più ambizioso, con tutta probabilità, è quello di Jeff Bezos. Il fondatore di Amazon, infatti, ha messo sul piatto 42 milioni di dollari per un orologio. La fondazione Long Now è al lavoro su un gigante da 60 metri che segnerà il tempo per diecimila anni. Bezos, si sa, è uno che ama guardare lontano.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti