Banche fallite, rimborsi e arbitrato: le cose da sapere
ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI
Banche fallite, rimborsi e arbitrato: le cose da sapere
Economia

Banche fallite, rimborsi e arbitrato: le cose da sapere

Gli acquirenti di bond di Banca Etruria, Marche, CariChieti e CariFe avranno indietro non più dell'80% del capitale. Ecco le condizioni per averli

Non più dell'80% dei soldi investiti. E' quanto possono sperare di riavere indietro dal governo i risparmiatori rimasti vittime dei crack dei 4 istituti di credito falliti alla fine del 2015: Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara. Dopo mesi di attesa, sta finalmente per diventare legge un decreto in cui è scritto nero su bianco chi potrà ricevere i risarcimenti per aver investito nei bond subordinati di queste 4 banche, che si sono trasformati in carta straccia dopo il crack. Gli indennizzi saranno però legati ad alcune condizioni, che sono diventate un po' più elastiche dopo alcuni emendamenti apportati al testo originario del decreto . Ecco, di seguito, una panoramica su come funzioneranno le procedure.

Chi avrà i rimborsi subito

Una corsia preferenziale è prevista per gli investitori che nel 2014 avevano un reddito complessivo inferiore a 35mila euro annui o hanno destinato ai bond delle 4 banche fallite un capitale inferiore a 100 mila euro. Grazie a un recente emendamento al testo originario del decreto, i due criteri sono diventati indipendenti tra loro. Dunque, chi ha investito meno di 100mila euro può ottenere gli indennizzi anche se non rispetta i requisiti di reddito. L'altra condizione è che l'investimento nei titoli sia avvenuto prima del 12 giugno 2014.

Leggi anche: Banca Etruria e le altre

Quanti soldi avrà

Per chi rispetta le condizioni previste nel paragrafo precedente, gli indennizzi saranno automatici. Il capitale rimborsato non sarà però integrale ma pari all'80% di quanto investito inizialmente. Da questa percentuale, va poi decurtata un'altra quota, corrispondente alla differenza tra il rendimento dei bond acquistati e quello medio dei titoli di stato. Esempio: se le obbligazioni comprate hanno reso per 4 anni l'1% annuo in più rispetto ai Buoni del Tesoro, dalla cifra restituita verrà decurtata un'ulteriore quota del 4%.

Leggi anche: Banche fallite, storia di una crisi

Chi andrà davanti all'arbitro

Chi non possiede i requisiti esposti in precedenza (cioè ha un reddito superiore a 35mila euro annui lordi o ha investito nei bond più di 100mila euro), non avrà un indennizzo automatico. A stabilire se il risparmiatore è stato truffato dalla banca o meno, sarà infatti un Arbitro, che opererà presso l'authority anti-corruzione presieduta da Raffaele Cantone. La procedura di arbitrato sarà gratuita e ci saranno 6 mesi di tempo (inizialmente erano 4 mesi) per accedervi. Il pronunciamento finale avverrà poi entro i successivi 4 mesi dalla presentazione dell'istanza da parte dei risparmiatori.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti