Assunzioni a marzo: primi (buoni) numeri del Jobs Act
Ansa / Matteo Bazzi
Assunzioni a marzo: primi (buoni) numeri del Jobs Act
Economia

Assunzioni a marzo: primi (buoni) numeri del Jobs Act

Oltre 92mila assunti in più rispetto al 2014. Ma, più importante: i contratti a tempo indeterminato sono aumentato di 54mila unità

Dal 7 marzo è ufficialmente operativo in Italia il Jobs Act e per questo i dati rilasciati oggi dal ministero del Lavoro sulle attivazioni di nuovi contratti (e cessazioni dei vecchi) erano particolarmente attesi: da questi numeri si può capire, finalmente e per la prima volta, se la riforma del lavoro firmata dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti funziona oppure no. Ed ecco la risposta: a marzo le attivazioni di nuovi contratti di lavoro sono state 641.572 mentre i contratti cessati sono stati 549.273 con un saldo positivo di 92.299.

Ma ancora più interessanti sono i dati sui tipi di contratti attivati: 162.498 sono a tempo indeterminato (rispetto ai 108.647 dello stesso mese del 2014); 381.234 sono a tempo determinato (395mila nel 2014); 36.460 sono le collaborazioni e 44.536 sono altre tipologie. Si tratta di numeri positivi, ma probabilmente sono dovuti all’enorme incentivo che il governo ha deciso di concedere alle imprese che assumono a tempo indeterminato: incentivo che può raggiungere i 7mila euro all’anno.

In questo senso forse ancora più significativo è il dato sul numero di contratti a tempo determinato che sono stati trasformati in contratti a tempo indeterminato: si tratta di 40.034 persone che da “precarie” si sono trasformate in assunte e sono quasi il doppio rispetto alle 22.116 dello stesso periodo dell’anno scorso. 

LEGGI ANCHE: COME FUNZIONANO I NUOVI CONTRATTI

 

I più letti