730 precompilato, le 5 novità da non dimenticare
Imagoeconomica
730 precompilato, le 5 novità da non dimenticare
Economia

730 precompilato, le 5 novità da non dimenticare

L’agenzia delle Entrate ha reso noti tutti i dettagli riguardanti la nuova dichiarazione dei redditi

1 - Le scadenze

Nelle istruzioni pubblicate sul sito dell’Agenzia delle entrate si specifica innanzitutto che il 730 precompilato sarà disponibile dal 15 aprile e sarà scaricabile dallo stesso sito. Per quanto concerne invece la sua riconsegna, previo controllo dei dati riportati, la data ultima è fissata per il 7 luglio. Da sottolineare poi che la stessa Agenzia delle entrate ha approvato in queste ore anche le bozze relative alla Certificazione unica (Cu) che, sempre a partire dal 2015, i sostituti d’imposta dovranno trasmettere in via telematica al fisco entro il 7 marzo e che servirà proprio per redigere il 730 precompilato.

2 - I dati contenuti

È stato sgombrato il campo poi su quelle che saranno le informazioni contenute all’interno del modello precompilato. Il nuovo 730, che sarà come noto riservato a lavoratori dipendenti e pensionati, conterrà tutti i seguenti dati: gli elementi dichiarati nella Certificazione unica, gli interessi passivi su mutui, premi assicurativi e contributi previdenziali, alcune informazioni contenute nella dichiarazione dell’anno precedente (per esempio le detrazioni da ripartire in più rate annuali oppure i crediti d’imposta), altri dati contenuti nell’anagrafe tributaria, come i contributi versati per i lavoratori domestici. Tra l’altro c’è da sottolineare il fatto che la dichiarazione precompilata potrà essere integrata attraverso un prospetto a parte, qualora dovessero essere inserite informazioni aggiuntive.

3 - Come si richiede il 730 precompilato

Come già ricordato ciascun contribuente interessato potrà accedere alla propria dichiarazione precompilata attraverso il sito internet dell’Agenzia delle entrate. Per procedere, lavoratori dipendenti e pensionati, dovranno essere in possesso di uno specifico pin, che potrà essere richiesto all’Agenzia sempre attraverso il sito internet, per telefono chiamando il numero verde 848.800.444 oppure recandosi di persona in uno degli uffici territoriali della stessa Agenzia.

4 - Detrazioni e controlli

Secondo quanto stabilito dalle note diffuse dall’Agenzia delle entrate “se il 730 precompilato viene presentato senza effettuare modifiche direttamente tramite il sito internet dell’Agenzia oppure al sostituto d’imposta, non saranno effettuati i controlli documentali sugli oneri detraibili e deducibili”. Se invece la dichiarazione precompilata verrà presentata a un Caf o a un professionista, indipendentemente dal fatto che siano state o meno effettuate delle modifiche, scatteranno i controlli del fisco su detrazioni e oneri deducibili,  che però riguarderanno  gli stessi Caf o i professionisti che hanno materialmente presentato la dichiarazione precompilata.

5 - Spese sanitarie

L’Agenzia delle entrate ha infine precisato che, come stabilito dall’agenda delle semplificazioni approvata recentemente dal Consiglio dei ministri, a partire dal 2016 la dichiarazione dei redditi precompilata conterrà anche l’indicazione delle spese sanitarie che per il momento dunque restano escluse e dovranno essere aggiunte dai singoli contribuenti.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti