Ecco l'Emilia che non si piange addosso
Ecco l'Emilia che non si piange addosso
News

Ecco l'Emilia che non si piange addosso

Le voci degli emiliani, con filmati esclusivi sul nostro sito, a sette mesi dal terremoto. Su Panorama in edicola

Nuovi capannoni, container, tensostrutture, perfino tende e gazebo: qualunque cosa pur di ripartire con la produzione e il lavoro. E poi solidarietà e molti debiti, pur di non darsi per vinti.  Con il made in Italy come collante in una regione in cui convivono acciaio e agricoltura, bovini e rombo dei motori. A sette mesi dal terremoto gli abitanti dell’Emilia sono tornati al lavoro e si preparano a un Natale diverso dagli altri.

I volti, le voci, le storie, ma anche la rabbia, la delusione, i problemi degli emiliani in uno speciale sul numero di Panorama in edicola da giovedì 20 dicembre. Su panorama.it - da venerdì, 21 dicembre 2012 - i filmati con le interviste ai protagonisti di una rinascita che soltanto pochi mesi fa sembrava titanica e che, invece, grazie alla tenacia e alla volontà ha permesso agli emiliani di «tenere botta». Con un solo rammarico, sottolineano i protagonisti a Panorama: l’assenza di uno Stato che ha fatto molte promesse, ma di aiuti veri ne ha dati pochi.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti