Come ti creo una fake news. Il nuovo Pizzagate
(Ansa)
Come ti creo una fake news. Il nuovo Pizzagate
Dal Mondo

Come ti creo una fake news. Il nuovo Pizzagate

Rubrica "The Lob"

Le elezioni Usa si avvicinano, la campagna sta entrando nel vivo, e online gli amanti delle fake news si stanno già mobilitando, alla ricerca di un nuovo Pizzagate. Per chi non conoscesse quella gustosissima storia, è una teoria totalmente falsa ma incredibilmente diventata virale nel 2016, che costò a Hillary Clinton molti, moltissimi voti.

Nacque su Reddit da una pretestuosa interpretazione di un messaggio totalmente innocuo trovato nelle email trafugate a John Podesta, capo del comitato elettorale di Hillary Clinton, e pubblicate da WikiLeaks, in cui si citava la pizzeria Comet di Washington. In breve, i complottisti dissero che la pizzeria era la base per una rete di pedofili del Partito democratico americano. Una rete che aveva la sua capa in Hillary Clinton. E che trovava la sua copertura ordinando "pizze" tramite mail, che altro non erano che bambini. La scemenza si diffuse subito su blog e social estremisti; fu approfondita, raccontata e ingigantita per mesi dai commentatori trumpiani, tra cui il popolarissimo Alex Jones (del sito estremista Infowars); portò il padrone di quella pizzeria a subire ogni tipo di insulti e minacce; e portò addirittura a una sparatoria all'interno del locale.

Quattro anni dopo, nonostante persino i commentatori trumpiani abbiano chiesto «scusa» per quella bufala, ritornano tutti gli ingredienti. Le elezioni alle porte (allora 2016, oggi 2020); un gruppo di potere "malvagio" (sempre il partito Democratico, allora Clinton oggi Biden); un dettaglio (allora le mail, ora delle foto); un junk food (prima la pizza, ora il gelato)

Il protagonista è il Jani's Ice Cream, catena di gelaterie con base in Ohio che conta 47 filiali. Il dettaglio è che sia Joe Biden che Nancy Pelosi hanno rivelato di adorare quella marca di gelato. Biden ci avrebbe speso addirittura 11 mila dollari durante la sua campagna elettorale. E insomma, se la pizza era una copertura per la pedofilia, il gelato lo è per gli omicidi. La fondatrice della marca di gelati, Jeni Britton Bauer, è una supporter democratica il cui mentore è stato il fondatore di L Brands, che tra l'altro possiede Victoria's Secret e Abercrombie and Fitch. Questo qua era grande amico e collaboratore di Brian Epstein, e addirittura sarebbe stato accusato di procurargli alcune donne. Una volta che avete solo due gradi di separazione (Biden ➝ gelato ➝ fondatrice del gelato ➝ padrone di Victoria's Secret ➝ Brian Epstein) il gioco è fatto. Tutti quegli ordini di gelato sono solo coperture per omicidi, stupri e torture. La teoria è completamente insensata, quindi promette bene. Joe Biden stia attento.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti