Da Milano a Bucarest, il diario della solidarietà
Da Milano a Bucarest, il diario della solidarietà
News

Da Milano a Bucarest, il diario della solidarietà

I medici dell'Associazione Bambini cardiopatici nel mondo in Romania per portare speranza e salvare vite. Il racconto in esclusiva per noi

Domenica 2 febbraio è partita dall’ IRCCS Policlinico San Donato la 14esima missione dell’associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo, la onlus che da 20 anni opera nei Paesi in difficoltà per dare una speranza di vita ai bambini malati di cuore. L’equipe medica, guidata dal professor Alessandro Frigiola, primario di Cardiochirurgia I della struttura sandonatese, nonché fondatore (insieme alla professoressa Silvia Cirri) e presidente dell’Associazione, ha raggiunto ieri l’Ospedale Pediatrico Marie Curie di Bucarest dove per più di una settimana opererà 10 bambini affetti da patologie congenite complesse, affiancando medici e infermieri locali. 

Per tutta la durata della missione, l’anestesista dottor Paolo Bianchi redigerà una sorta di “Diario di viaggio” in esclusiva per Panorama.it  , fornendo materiale video e fotografico a testimonianza dell’attività umanitaria direttamente dal “campo”.  Nella giornata di ieri sono stati  visitati i bambini che saranno sottoposti agli interventi già programmati nelle scorse settimane grazie ai contatti quotidiani tra l’equipe del Policlinico San Donato e i medici locali, il tutto con il coordinamento e la supervisione degli operatori della onlus. Oggi sono in programma due interventi a Bucarest: il primo per una Tetralogia di Fallot (o “Sindrome del bambino blu”) - una della cardiopatie congenite infantili più diffuse che comporta una scarsissima ossigenazione dei tessuti - e l’altro per un difetto intraventricolare in un bambino di circa 10 anni. In queste freddissime giornate (Bucarest ci ha riservato 5 gradi sotto lo zero al nostro arrivo ieri mattina) l’obiettivo è restituire il sorriso ai tanti bambini che ce lo chiedono, fiduciosi nel lavoro della nostra equipe e dei tanti medici e infermieri rumeni che ci hanno accolto – come sempre – con entusiasmo.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti