Esclusivo: interrogata la sorella di Vendola

Panorama, in edicola dal 14 febbraio, racconta che Patrizia Vendola è stata sentita a Lecce per l'amicizia con Susanna De Felice, il giudice che ha assolto ad ottobre il fratello Nichi

Le foto di Patrizia Vendola con il fratello e le amiche baresi, tra cui Susanna De Felice

«È mai stata a casa della dottoressa Susanna De Felice?». Intorno a questa domanda si è svolto l’interrogatorio di Patrizia Vendola, sorella del governatore pugliese Nichi, ascoltata come persona informata dei fatti il 31 gennaio scorso dal procuratore di Lecce Cataldo Motta.

È una delle rivelazioni di Panorama da domani 14 febbraio in edicola, che alla vicenda ha dedicato un’inchiesta. La donna è stata sentita dopo che il giudice De Felice il 31 ottobre 2012, aveva assolto Nichi Vendola da un’accusa di abuso di ufficio; e soprattutto dopo che i pm Francesco Bretone e Desirée Di Geronimo, titolari del procedimento, avevano protestato con i loro superiori contestando i rapporti tra Patrizia Vendola e De Felice, anche grazie alla comune amicizia con Gianrico Carofiglio ex pm barese e parlamentare Pd, e con sua moglie Francesca Pirrelli, magistrato della stessa procura.

Secondo Panorama, nell’interrogatorio Patrizia Vendola ha così quantificato gli incontri conviviali con De Felice a partire dal 2004: «Ho condiviso amici e feste con lei per diversi anni, con una cadenza di circa un incontro al mese sino al 2009; da allora, dopo che è mancato mio padre, ci saremo viste cinqueo sei volte, non di più». In tutto fa oltre cinquanta occasioni.

La Vendola ha comunque negato di essere mai stata a casa del giudice De Felice (su cui Motta ha aperto un fascicolo). «Anche se da qualche anno ho improvvisi vuoti di memoria e per questo sono andata anche da un neurologo». A Bari, in questi giorni, si vocifera pure di foto che ritrarrebbero a una festa e allo stesso tavolo Nichi Vendola e il giudice De Felice.

Intervistata da Panorama, Patrizia Vendola non lo esclude ed elenca le occasioni in cui i due potrebbero essersi ritrovati insieme: «Forse alla festa per i miei 40 anni, in una discoteca di Bisceglie del 2005. Oppure ai festeggiamenti per i miei 42 anni e mezzo in una masseria di Monopoli».

© Riproduzione Riservata

Commenti