Cronaca

Tutte le irregolarità della Mare Jonio con i migranti

La nave della Ong di Luca Casarini è arrivata a Lampedusa dopo aver infranto regole navali e leggi internazionali

Migranti: Mare Jonio in porto Lampedusa

La Mare Jonio, la nave della Ong comandata da Luca Casarini che ha raccolto 49 migranti nel Mar Mediterraneo a poche miglia dalle coste libiche per portarli in Italia, è arrivata a Lampedusa dove è stata autorizzata ad attraccare su ordine della Procura di Agrgento che ha aperto un'inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e posto sotto sequestro la nave. Il Ministro dell'Interno, Matteo Salvini infatti non aveva dato alcuna autorizzazione allo sbarco dei migranti a bordo.

I migranti, 49, tra cui 12 minori, sono sbarcati e condotti nel centro di identificazione per i migranti di Lampedusa

Quello che è chiaro però è che anche questa volta la nave della Ong, la Mare Jonio, ha commesso diverse irregolarità ed ha violato più volte la legge. Ed è su queste irregolarità che sta indagando la Procura.

Questo quanto rilevato proprio dal Viminale e dalla Guardia Costiera:

Le irregolarità commesse dalla Mare Jonio

- La nave Mare Jonio ha disobbedito per ben due volte all’ordine della Guardia di Finanza di spegnere i motori. È come un’auto che non rispetta l’alt di un posto di blocco.

- Il mare non era mosso né c’era pericolo di affondamento.

- La Mare Jonio era più vicina a Libia e Tunisia ma ha fatto rotta verso l’Italia, sottoponendo gli immigrati a un viaggio più lungo.

- La nave non ha avvisato Malta.

- Ha disobbedito alle indicazioni della guardia costiera libica. Un comportamento che dimostra, secondo il Viminale, il chiaro intento di voler portare in Italia immigrati clandestini.

Nelle ultime ore, a conferma che la presenza di navi Ong è un incentivo alle partenze, si sarebbe verificato un naufragio davanti alla costa di Sabrata. 

© Riproduzione Riservata

Commenti