Cronaca

Terrorismo: " La Polizia non è addestrata in maniera adeguata"

La denuncia di un leader sindacale, che spiega come gli agenti, dopo un corso di 3 giorni, non siano capaci di fronteggiare un'emergenza

Nadia Francalacci

-

“Mentre l’allerta terrorismo in Italia è a livelli altissimi, i poliziotti vengono addestrati in tre giorni con il rischio di fare la fine dei colleghi francesi massacrati negli attentati a Parigi”.

Gianni Tonelli, segretario generale del Sap, Sindacato della Polizia di Stato non usa mezze parole e spiega a Panorama.it: “Alla luce delle ultime vicende internazionali che hanno visto protagonisti terroristi pronti ad uccidere gli appartenenti alle Forze di Polizia e non solo, occorre sicuramente un cambiamento epocale all’interno delle Forze di Polizia e in particolar modo dal punto di vista della preparazione professionale”.

“Con i fatti di Parigi si è potuto constatare come non solo la sorpresa degli attacchi terroristici, ma anche e soprattutto l’impreparazione degli operatori su strada abbia ulteriormente facilitato le terribili azioni assassine- ci spiega ancora Tonelli - finendo inevitabilmente per far pagare alla collettività un prezzo altissimo sia in termini di civili uccisi che di poliziotti deceduti o gravemente feriti in servizio”.

Tonelli, attualmente i poliziotti frequentano un corso antiterrorismo della durata di tre giorni. Che cosa viene insegnato?
Tecniche operative per contrastare assalti di gruppo. Ma ovviamente è tutto teorico e la teoria non può certamente compensare la pratica che in questo campo è fondamentale. Ma la cosa ancor più vergognosa è che il corso non viene fatto a tutti i poliziotti ma solo ad alcuni istruttori, uno o due per ogni sede, che poi al rientro dovranno trasmettere queste nozioni “teoriche” al resto dei poliziotti. Una preparazione assurda se poi consideriamo che i nostri poliziotti non hanno mai sparato a un bersaglio in movimento. Questo significa che i nostri uomini sono totalmente incapaci di bloccare dei terroristi e soprattutto di proteggere la propria vita e quella dei comuni cittadini. In sostanza, questo corso non solo non serve a niente ma è davvero un corso "farsa".

Secondo voi, invece, quanto dovrebbe durare un corso e come dovrebbe essere articolato?
Dovrebbe durare 6 settimane ed essere sviluppato tra lezioni teoriche e corsi pratici di tiro dinamico e guida operativa, autodifesa, nozioni di esplosivi e attacchi batteriologici e ovviamente l’esame finale. Questi moduli non li abbiamo inventati ma questa bozza di corso, presentata più volte al Governo, è stata elaborata dagli stessi istruttori e poliziotti che pensano alla sicurezza dei nostri ministri e del Presidente del Consiglio...quindi uomini altamente qualificati ed esperti di sicurezza.

Infatti, voi avete più volte sollecitato il Governo. Che cosa vi è stato risposto?

Non abbiamo avuto nessuna risposta. Ma la vera vergogna è un’altra: il corso di sei settimane per elevare veramente la sicurezza del nostro Paese e dei nostri concittadini, costa meno di quanto non venga speso ogni anno per spolverare le poltrone di Montecitorio…

Quanto costerebbe?

6 milioni di euro l’anno per la preparazione di 12 mila poliziotti, e non solo per alcuni come avviene oggi, per un totale di poco più di 17 milioni di euro in tre anni. Solo per la polvere di Montecitorio ogni anno vengono spesi 7 milioni di euro….Purtroppo in questo momento si sta parlando tantissimo di antiterrorismo ma lo si sta facendo in modo ipocrita. È stato approvato solo due giorni fa il nuovo decreto ma in realtà l’Italia non sta facendo assolutamente niente per proteggersi dagli attacchi considerando che chi è chiamato a farlo, in realtà non è preparato e non sa assolutamente che cosa deve fare trovandosi davanti ad un terrorista.

Tra pochi giorni sarà inaugurato l'Expo a Milano ed è richiesta una presenza massiccia anche di poliziotti...

Sì, saranno convogliati su Milano migliaia di uomini che, benchè siano preprati e professionali, non avranno la preprazione adeguata per fonteggiare eventuali attacchi terroristici.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Decreto antiterrorismo: ecco cosa prevede

Dagli strumenti per frenare foreign fighters e lupi solitari, fino alle investigazioni nelle carceri: i contenuti di un provvedimento controverso

Terrorismo: nei giorni dell'Expo il rischio può arrivare dall'Italia

Secondo gli esperti di intelligence, le minacce alla sicurezza nei giorni dell'esposizione universale non arriveranno dai jihadisti

Terrorismo: qual è il ruolo degli 007 privati?

Ecco come e quando gli investigatori privati possono essere importanti nella lotta al terrorismo. L'intervista a Vittorio Di Santo

Commenti