Redazione

-

 "Di tutte le chiese di Norcia, città che ne conta a decine, nessuna è rimasta illesa. A partire dalla basilica del grande figlio di Norcia e patrono di Europa, San Benedetto. Da oggi è rimasta scoperchiata. Intatti il rosone e tutta la facciata tardogotica. Anche il portico delle misure sorto a fianco della basilica si è sgretolato al suolo.

- LEGGI ANCHE: Tutte le notizie sul terremoto

LEGGI ANCHE: Terremoto, perché la terra trema ancora
LEGGI ANCHE: Terremoto, come rendere antisismica la tua vecchia abitazione
LEGGI ANCHE: Il terremoto, parola per parola
LEGGI ANCHE: Terremoto, i volti e le storie degli sfollati

E così il campanile, una delle meraviglie dell'Umbria per la sua altezza e i suoi ornamenti, elevato nel 1388 e poi ricostruito nella parte sommitale dopo il terremoto del 1703". Romano Cordella, storico dell'arte e autore della più dettagliata Guida di Norcia e del suo territorio, fa il punto con l'ANSA sui danni causati al patrimonio culturale nursino dalla scossa di stamattina.

terremoto-marche

La Basilica di San Benedetto a Norcia prima e dopo il terremoto del 30 ottobre 2016. – Credits: ANSA

La Basilica di San Benedetto

"La basilica di San Benedetto - ricorda Cordella - cadde tre volte nel corso del '700 e per tre volte i monaci celestini che abitavano nell'attiguo monastero la ricostruirono. Nella cripta vi sono resti della Nursia romana, tra i più consistenti rimasti".

terremoto-marche

La chiesa di Santa Maria Argentea a Norcia prima e dopo il terremoto del 30 ottobre 2016. – Credits: ANSA

Santa Maria Argentea

Sempre affacciata su piazza San Benedetto, a poche decine di metri dalla basilica "la chiesa di S. Maria Argentea, concattedrale della diocesi di Spoleto-Norcia, è crollata per due terzi seppellendo un organo settecentesco. Si spera - auspica lo storico dell'arte - non abbia danneggiato il celebre crocifisso ligneo di Giovanni Tedesco della fine del 400, così come due statue lignee recentemente restaurate a cura di 'Una mostra un restauro' raffiguranti San Claudio e S. Rocco".

E proprio a San Claudio è dedicata a Serravalle di Norcia una chiesa a mezza costa "con un campanile a guglia che è rimasto miracolosamente in piedi". La speronatura di rinforzo costruita addosso alla fiancata sinistra di Santa Maria Argentea "si è per la prima volta lesionata dopo una tenuta di 3 secoli: era un capolavoro di struttura antisismica. Ora regge un parete rimasta vuota all'interno".

terremoto-marche

La chiesa di San Francesco a Norcia prima e dopo il terremoto del 30 ottobre 2016. – Credits: ANSA

San Francesco

Ancora. " San Francesco, chiesa trasformata in Auditorium - dice Cordella - è crollata nel mezzo della navata. All'interno aveva custodito fino ad ora la pala di Jacopo Siculo del 1541 con l'Incoronazione della Vergine.". Nelle vicinanze è "crollato miseramente un oratorio, già sede di un ospedale per i poveri e i pellegrini. All'interno erano conservati mobili e arredi, che sono sopravvissuti al terremoto del 1979. "

L'interminabile elenco - che in realtà cronologicamente si apre con il crollo, solo l'altro giorno, della pieve di San Salvatore, a Campi di Norcia - continua con la chiesa di S. Agostino, al centro dell'abitato, che "ha riportato gravissime ferite negli altari lignei e nelle le sue pareti affrescate tra cui l'unico resto di una decorazione datata 1442, divenuta famosa tra gli studiosi di storia dell'arte perché al suo allestimento furono chiamati 4 pittori membri di una squadra composita e poliglotta, testimone della splendida cultura tardogotica che allora passava per Norcia e circolava attorno a essa". 


 

La stampa di tutto il mondo

Le immagini simbolo della Basilica di San Benedetto a Norcia ha fatto il giro del mondo e campeggia in primo piano su moltissimi siti internazionali. 'La terra trema per la quarta volta in Italia', è il titolo della BBC online, che accompagna l'articolo con la foto della basilica distrutta.

Mentre il New York Times mostra la foto delle suore in fuga dalla chiesa e titola: 'Forte sisma scuote l'Italia e fa cadere la cattedrale di San Benedetto'.

Anche il titolo del Telegraph punta su Norcia, ma sottolinea che il sisma ha provocato alcune crepe anche nella basilica di San Paolo a Roma.

'Decine di feriti nel centro Italia dopo il terremoto', e' il titolo di El Mundo con in primo piano le foto della cattedrale diNorcia: da un lato la sua imponente bellezza e dall'altro la polvere che la ricopre dopo il crollo.

"Nessun morto" è il titolo del Washington Post, che descrive quanto accaduto con una carrellata di immagini sui danni provocati, oltre aNorcia, anche a Tolentino e Castelsantangelo sul Nera (in provincia di Perugia).

'Forte sisma scuote l'Italia',è l'apertura della CNN che, oltre alla foto della basilica di San Benedetto a Norcia, mostra anche due vigili del fuoco davanti ad una chiesa ad Amatrice, distrutta dal terremoto dello scorso 24 agosto. 

© Riproduzione Riservata

Commenti