Redazione

-

Sarà probabilmente un altro venerdì nero, con corse di bus e metro cancellate, sportelli pubblici chiusi, assenze in cattedra.

I sindacati di base hanno infatti proclamato uno sciopero per l'intera giornata di oggi, venerdì 21 ottobre. Braccia incrociate per "centinaia di migliaia di lavoratori in tutto il Paese", dai "trasporti alle scuole e agli ospedali", avverte l'Usb, che ha proclamato lo sciopero insieme a Unicobas e Usi.

Alla protesta hanno aderito anche il Si Cobas, l'Adl e la Cub Trasporti Lazio. E non finisce qui, domani, sabato 22 ottobre, le sigle dei sindacati di base insieme al "Coordinamento No Sociale al Referendum", scenderanno in piazza per il "No Renzi Day". "La prima manifestazione nazionale per il No convocata da un amplissimo arco di forze sociali, sindacali e politiche", spiega l'Usb.

Diversi gli obiettivi al centro della protesta: "cacciare il Governo abusivo di Renzi, riporre al centro il lavoro, il salario, i diritti e difendere la Costituzione, impedendo una deriva centralista ed autoritaria", spiegano i sindacati di base. La protesta rischia di avere un impatto sui pendolari, con mezzi pubblici in ritardo. Disagi possibili anche nelle scuole, dove potrebbe saltare qualche lezione. E la mobilitazione potrebbe attecchire anche negli uffici pubblici, tanto che l'Inps, l'Istituto nazionale di previdenza, ha lanciato l'avviso agli utenti: "Si informano i cittadini di eventuali, possibili rallentamenti nell'erogazione dei servizi Inps". Lo stesso vale per gli altri enti pubblici, compresi quelli comunali e le asl. Per quanto riguarda i treni, le Ferrovie dello Stato hanno fatto sapere che le frecce non risentiranno dello stop, mentre la rete Intercity potrà subire alcune cancellazioni o slittamenti.

Lo sciopero avrà la seguente articolazione:

Pubblica Amministrazione: Agenzie Fiscali, Enti Locali, Ministeri, Parastato (Inps, Inail, Inpdap, Aci), Presidenza del Consiglio, Ricerca, Scuola, Università: intera giornata.

Sanità: da inizio turno del 21 ottobre a fine orario del turno serale dello stesso giorno.

Vigili del fuoco: Personale operativo turnista: dalle 09.00 alle 13.00; - Personale giornaliero o amministrativo: intera giornata. - Settore privato: intero orario di servizio. I turnisti delle centrali di produzione elettrica e idroelettrica sciopereranno seguendo il calendario prestabilito secondo la legge 146/90

Trasporto Aereo: personale navigante e operativo: dalle ore 00.00 alle ore 23.59 con il rispetto delle fasce e dei voli garantiti. Intero turno per i lavoratori normalisti o non operativi. -

Trasporto Ferroviario: personale addetto alla circolazione: dalle ore 09.01 alle 17.00. Personale fisso: intero turno

Trasporto Marittimo: personale viaggiante: da un'ora prima delle partenze del 21 ottobre. - Collegamenti isole minori - Personale viaggiante: dalle 00.00 alle 24.00 del 21 ottobre. - Trasporto pubblico locale e trasporto merci e logistica: intera giornata, articolato a livello territoriale col rispetto delle fasce di garanzia, che variano da città a città.

ANAS: intero turno dalle 00.00 alle 24.00 del 21 ottobre. Durante lo sciopero generale saranno garantiti i servizi minimi essenziali

© Riproduzione Riservata

Commenti