Rimborsare il cittadino innocente: il disegno di legge basato sulla proposta di Panorama

Le firme di 176 senatori alla proposta di Gabriele Albertini che si fonda sull'inchiesta che abbiamo pubblicato a febbraio

cover1030x615-6

La copertina del numero 6 di Panorama, in edicola dal 4 febbraio 2016

La firma di 176 senatori sotto allo stesso disegno di legge non è un risultato da poco. Gabriele Albertini, ex sindaco di Milano e senatore di Area popolare, c’è riuscito in un solo giorno, il 3 marzo, creando un’alleanza trasversale che va da Fratelli d’Italia a Sinistra ecologia e libertà. Lo rivela il settimanale Panorama, nel numero in edicola da giovedì 10 marzo.

Il disegno di legge presentato da Albertini trae origine da un’inchiesta di copertina pubblicata dallo stesso Panorama ai primi di febbraio, e intitolata «Sei innocente? Lo Stato deve pagarti l’avvocato».

Il tema affrontato da Panorama è quello della «ingiusta imputazione», che in altri 32 Paesi europei prevede il risarcimento delle spese legali al cittadino che venga riconosciuto pienamente innocente al termine di un processo penale.

Quel diritto, in Italia, non è previsto. Nel suo disegno di legge, Albertini prevede la modifica dell’art. 530 del Codice di procedura penale.

Con questa formula: «Se il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato, il giudice, nel pronunciare la sentenza, condanna lo Stato a rimborsare tutte le spese di giudizio, che sono contestualmente liquidate».

Tra i 175 sottoscrittori, che rappresentano la netta maggioranza dei 315 eletti al Senato, 56 sono del Pd, 31 di Forza Italia, 22 di Area popolare, otto della Lega. Albertini a Panorama annuncia: «Chiederò che il mio Ddl venga trattato a sè, che non finisca nel calderone della riforma del Codice di procedura penale, che stiamo discutendo al Senato».

© Riproduzione Riservata

Commenti