È Caltanissetta la provincia italiana nella quale la distribuzione del reddito è più diseguale. Sono invece gli abitanti di Vercelli quelli che godono di una maggiore uguaglianza. Lo studio di Bankitalia sulla povertà in Italia impressiona per i risultati che porta ma, soprattutto, per i motivi che stanno alla base di questa diversità. Bankitalia, che si basa su dati del 2011, spiega che il motivo della differenze di reddito tra le varie province del Sud è il livello bassissimo di reddito di cui gode la parte più povera della popolazione mentre a livelli superiori le diseguaglianze sono marcate ma non in modo così eclatante.

Dati più aggiornati portano agli stessi risultati, come dimostra #Truenumbers, la web serie di approfondimento di PanoramaTv. #Truenumbers, la cui terza puntata dedicata proprio alle diseguaglianze sociali è visibile qui sopra, spiega, infatti, che le diversità di reddito più ampie sono al Sud che mostra un indice di Gini, che serve proprio a misurare le differenze di reddito, dello 0,34 rispetto allo 0,31 del Centro e allo 0,29 del Nord.

Bankitalia, che usa una diversa rappresentazione numerica dell’indice di Gini, aggiunge che, oltre a Caltanissetta, che è a quota 44,6 dell’indice di Gini, anche Foggia e Ragusa mostrano differenze superiori a quelle di tutte le altre province italiane e cioè, rispettivamente, 44 e 44,4. Lodi, Biella e Vercelli, invece, sono a quota, rispettivamente, 35, 2, 35, 1 e 35.

© Riproduzione Riservata

Commenti