Redazione

-

"Ho seguito la vicenda in tv, ma vedendo la massa della neve che c'era quando il terremoto ha fatto partire la valanga, è ovvio che anche un hotel può andare sotto. Forse è stato costruito in un posto in cui la garanzia di sicurezza non c'è".

- LEGGI ANCHE: Il punto sulle ricerche
- LEGGI ANCHE: Nomi e storie delle vittime e dei dispersi

A dirlo è il celebre alpinista Reinhold Messner, che oggi, intervenuto al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, ha parlato della vicenda Rigopiano. "Quando si costruisce in montagna si devono calcolare i massimi pericoli. Se poi cadono metri di neve qualunque posto in montagna è in pericolo". "Io penso - ha proseguito Messner - che in Italia ci siano tanti posti che non sono al 100% sicuri, cosa che vale anche per la Svizzera".

Non si può far nulla, dunque, contro la natura? "La natura c'è, è sempre l'uomo - ha sottolineato l'alpinista - che fa errori". Quanto alle dichiarazioni dello scrittore-alpinista Mauro Corona secondo il quale l'hotel Rigopiano è stato costruito sotto lo sbocco naturale di una valanga, Messner ha commentato: "Non posso dirlo perché non ci sono andato. Vedendo le foto e quello che hanno mostrato in tv, direi che Corona ha ragione"

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Hotel Rigopiano: le indagini, i dubbi e le questioni aperte

Finita agli atti dell'inchiesta della procura di Pescara anche una lettera sul rischio valanghe che fu inviata due anni fa al sindaco di Farindola

Hotel Rigopiano: tutte le vittime della slavina - FOTO

A un anno dalla tragedia il ricordo dei 29 morti per schiacciamento, ipotermia, asfissia. Padri, madri, il giovane senegalese, il proprietario dell'hotel: le loro storie

Hotel Rigopiano: recuperate le ultime due vittime - FOTO e VIDEO

Le operazioni sono terminate con il triste bilancio finale di 29 morti e 11 sopravvissuti

Commenti