Cronaca

Ponti, viadotti e gallerie: 1918 sono a rischio, servono 3 miliardi

L'Unione delle Province Italiane chiede aiuto dopo il monitoraggio di 5931 opere: il 30% di queste ha bisogno di interventi urgenti

ponte-valpolcevera-genova

Matteo Politanò

-

Dopo il crollo del ponte Morandi di Genova la paura per le condizioni dei viadotti italiani è diventata un vero e proprio allarme nazionale. Timori fondati come dimostra l'Upi (Unione delle Province Italiane che controlla circa 100 mila chilometri di strade) dopo il monitoraggio di 5.931 opere a rischio tra viadotti, ponti e gallerie italiane, da Nord a Sud.

Il fondo straordinario

La verifica risponde ad una richiesta fatta dal Ministro delle Infrastrutture a tutte le istituzioni il giorno dopo la tragedia del Morandi. Delle 5931 opere analizzate risulta che 1918 di queste sono considerate in "priorità 1": necessitano cioè di interventi urgenti in quanto già soggette a limitazione del transito o della portata, se non chiuse. L'Upi chiede ulteriori fondi per sanare tutte le opere a rischio, servono in totale almeno 2 miliardi e 454 mila euro. Ma non ci sono solo interventi immediati: dall’analisi delle Province risutlano infatti almeno 14.000 ponti, viadotti o gallerie, su cui è necessario avviare da subito un monitoraggio dettagliato.

I tagli nei fondi alle Province

L'Upi ha sottolineato come i tagli nel budget utilizzato per prevenzione e manutenzione rendano la situazione ancor più difficile. Nel 2009 le Province avevano a diposizione 1 miliardo e 947milioni. Nel 2013 la cifra è scesa ad 1 miliardo 328 milioni e nel 2015 a 981 milioni. Nel 2017 sono stati invece stanziati 712 milioni: un crollo di risorse pari ad oltre il 51%. Ad oggi il fondo di investimenti per le opere di straordinaria manutenzione viaria ammonta a 1 miliardo 620 milioni per 6 anni, una media di 2 mila euro a chilometro l'anno contro gli oltre 22 mila euro a chilometro di cui dispone Anas per la rete stradale e i 120 mila euro al chilometro per la rete autostradale.

"Non ce lo possiamo permettere"

“Il nostro è un Paese fragile – ha spiegato il presidente di Upi Achille Variati – Non si può trascurare la manutenzione continua. Invece inseguendo l’assurda campagna contro le Province sono state cancellate tutte le risorse destinate proprio a questa funzione. Si è sospesa la cura di 100.000 chilometri di strade, di oltre 30.000 tra ponti e gallerie: si è risparmiato non investendo nella sicurezza dei cittadini. Non ce lo possiamo permettere”.



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ponte Morandi di Genova: il punto sulle indagini

Gli interrogatori continuano ma tutti i principali indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

Crollo ponte Morandi, ecco cosa prevede il decreto Genova

Previste spese complessive per circa 650 milioni di euro. Autostrade esclusa dalla ricostruzione, tagliati i fondi per città e Porto

Ponte Morandi di Genova: cosa dice la relazione del Mit

La commissione ispettiva punta il dito contro Autostrade per l'Italia: "Contromisure insufficienti per evitare il crollo nonostante i segnali"

Genova, parla il sindaco: "Un ponte subito per salvare l'economia della città"

A Panorama.it Bucci spiega: "Non siamo in ginocchio. Localmente abbiamo fatto il massimo. Dal Governo ci aspettiamo decisioni rapide"

Commenti