Redazione

-

Pif contro Crocetta. Il video del regista Pif, Pier Francesco Diliberto, che urla contro il Presidente della regione Sicilia Rosario Crocetta in difesa dei diritti dei disabili ha fatto il giro della rete.

La situazione è la seguente: alcune associazioni hanno organizzato la protesta sull'onda del caso che ha travolto l'assessore regionale al lavoro Gianluca Miccichè, costretto a dimettersi per avere lasciato per ore i due fratelli Pellegrino disabili in anticamera.

Le associazioni chiedono un incremento dei fondi regionali perchè sia assicurato il "diritto a vivere una vita all'altezza delle proprie aspirazioni e desideri".

Otto disabili in carrozzella, tra cui i fratelli Pellegrino, sono entrati dal portone principale di Palazzo d'Orleans dopo una breve manifestazione davanti alla sede della presidenza della Regione. Sono saliti al secondo piano accompagnati da una ventina di familiari e operatori di associazioni pensando di incontrare il presidente della Regione, Rosario Crocetta che si trovava però a Vittoria (Rg).

I disabili hanno occupato per alcune ore la sala dove si riunisce la giunta, alcuni sono entrati nella stanza del governatore. Alcuni funzionari e commessi hanno convinto poi tutti salire al terzo piano, nella sala Alessi più ampia dove è stato sistemato uno scivolo per consentire il movimento dei disabili in carrozzella.

Non ricevendo risposte dalla Regione Pif si è scatenato. "È finita la pazienza", ha incalzato chiamando in causa il presidente Crocetta. "Non ci sono più margini di trattativa. Se non è capace di trovare i fondi si dimetta".

E ancora: "Non mi frega una minchia - aveva detto Pif - dove trovi i soldi. La presenza di queste persone è già un fallimento".

Il regista ha poi parlato al telefono con Crocetta chiedendogli di presentarsi immediatamente a Palazzo per risolvere in maniera definitiva il problema dell'assistenza h24 dei disabili. Il presidente ha garantito che sarebbe arrivato a Palazzo nel pomeriggio, i manifestanti hanno deciso di aspettarlo.

"Presidente c'è un'emergenza: ci sono 3600 disabili che non hanno assistenza. È un loro diritto. Se lei non è in grado di dare assistenza a questi disabili, se non sa trovare i fondi, si dimetta". ha detto Pif al governatore parlandogli al telefono. "Non abbiamo più pazienza, deve trovare subito una soluzione definitiva, basta perdite di tempo. Ci deve dire quando. Oggi pomeriggio è già tardi. Deve venire subito perchè noi siamo incazzati, ci sono i disabili che aspettano".

"Questo in politica si chiama ricatto, ho preso degli impegni e tu li verificherai" ha ribattuto Crocetta. "I ricatti li faceva il suo assessore. Presidente è finita. Non avete più credibilità" chiosa l'ex inviato delle Iene.

Nel corso del botta e risposta con Pif avvenuto a Palazzo d'Orleans il presidente della Regione Rosario Crocetta ha avanzato come soluzione per l'assistenza ai disabili la messa a sistema di un progetto triennale. Ma Pif lo ha quasi subito interrotto urlando: "Basta presidente, questa è una supercazzola. Ci dica quando partirà il servizio di assistenza, la pazienza è finita".

Crocetta ha risposto: "Io mi sento disperato più di te, perchè chi doveva fare quel lavoro e attuare il mio programma mi ha tradito. Ha tradito quella gente e ha tradito anche me". "Io dico da anni che vanno fatte queste cose - ha aggiunto - Vanno fatte e adesso le faccio, e mi assumo le responsabilità politiche. La Regione dedicherà immediatamente i precari siciliani, che sono migliaia e che si vogliono riqualificare in questo progetto di assistenza, che diventerà un servizio non affidato alla precarietà. Ho verificato col Cipe: cento milioni di euro verranno sbloccati in una settimana circa".

© Riproduzione Riservata

Commenti