Redazione

-

La Procura di Verona ha iscritto Pietro Maso nel registro degli indagati con l'accusa di tentata estorsione nei confronti delle sorelle. Nel 1991 Maso con la complicità di tre amici massacrò a Montecchia di Crosara i genitori. Oggi l'uomo ha 44 anni e è uscito dal carcere nel 2013, dopo aver scontato la condanna a 30 anni e due mesi di reclusione inflittagli dalla Corte d'assise.

- LEGGI ANCHE: Pietro Maso "Ho scritto a Papa Francesco, lui mi ha telefonato

La notizia del nuovo fascicolo aperto a suo carico, come riporta il Corriere del Veneto, è stata confermata dal procuratore Mario Giulio Schinaia. "Si tratta - ha precisato - di una inchiesta avviata sulla base dei contenuti di un esposto presentato direttamente dalle parti lese". Il riferimento è alle sorelle di Maso, Nadia e Laura. È a loro che l'uomo, una volta tornato completamente in libertà, avrebbe chiesto soldi in più occasioni, al punto da indurre le sorelle a segnalare l'accaduto alla magistratura.

Le indagini su Maso seguono di pochi giorni l'intervista pubblicata da Chi nella quale affermava di non aver ucciso i genitori per denaro, "perché i soldi li avrebbe avuti lo stesso", e rivelava di aver ricevuto tre anni fa una telefonata da Papa Francesco a cui aveva scritto una lettera. (ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti