Cronaca

Pietro Maso: "Ho scritto a Papa Francesco, lui mi ha telefonato"

In un'intervista esclusiva al settimanale Chi, il 45enne che 25 anni fa uccise i genitori rivela il retroscena del suo percorso di conversione religiosa

Papa: Pietro Maso, gli ho scritto una lettera,mi ha chiamato

Redazione

-

"Mi chiamo Pietro Maso, a luglio compio 45 anni e sono stato in carcere 22 anni per aver ucciso i miei genitori il 17 aprile 1991. Io ero il Male. Eppure Papa Francesco ha avuto compassione di me".

Chiusi i conti con la giustizia dello Stato, Pietro Maso, prototipo del figlio-killer nella cronaca nera italiana, cerca di sistemare il più difficile conto con la propria coscienza.

La richiesta di perdono

Una nuova fase della vita, dopo il matrimonio, l'uscita dal carcere nell'aprile 2013, il reinserimento nella società - vive a Milano con la moglie, Stefania, sposata otto anni fa - che ha portato l'ex giovane della "Verona bene" a scrivere una lettera a Papa Francesco, per chiedere perdono.

Un fatto che risale al 2013, di cui Maso ha parlato in un'intervista al settimanale Chi, della quale è stata diffusa un'anticipazione.

"Ho scritto una lettera al Papa - racconta - in cui mi scusavo per quello che ho fatto 25 anni fa e pregavo per la pace. Dopo qualche giorno ha suonato il telefono: 'Sono Francesco, Papa Francesco'".

Pietro Maso oggi ha 44 anni, metà dei quali trascorsi dietro le sbarre. Fu lui, prima di Erika e Omar, a rappresentare nell'immaginario collettivo l'orrore del figlio che uccide i suoi stessi genitori, senza un vero movente che non fosse la banalità del "male": i soldi, la libertà di fare ciò che si vuole.

Il massacro

In quel lontano 1991 il delitto da Arancia Meccanica dei coniugi Antonio Maso e Rosa Tessari, 52 e 48 anni, a Montecchia di Crosara (Verona), trasformò il loro figlio 19enne nell'icona di una generazione senza valori: quella che aveva perso la voglia di far fatica e voleva solo i soldi, non importava come.

Il 17 aprile 1991 Antonio e Rosa stavano rientrando nella loro villetta dopo un incontro di preghiera in parrocchia. Nel buio dell'ingresso, camuffati con maschere da Carnevale, armati con un bloccasterzo e padelle, li aspettavano il figlio Pietro e tre suoi amici, Giorgio Carbognin, Paolo Cavazza all'epoca 19enni, e Damiano B., allora 17enne.

Fu un massacro. I due coniugi vennero lasciati a terra nel sangue, i quattro assassini andarono in discoteca, a finire la serata.

Con la detenzione, Maso ha vissuto un lungo e travagliato percorso intimo. C'è stata la conversione religiosa, poi un libro, Il Male ero io, infine la richiesta di perdono al Santo Padre.

La telefonata di Papa Francesco

"Gli ho scritto una lettera - spiega - che gli è stata consegnata dal mio padre spirituale, monsignor Guido Todeschini. E dopo pochi giorni il Papa mi ha telefonato. Lui e don Guido sono persone sante".

Sulla telefonata di Papa Francesco, Maso racconta: "Erano le dieci del mattino e suona il telefono. Ero con Stefania, la mia compagna, rispondo e sento: 'Sono Francesco, Papa Francesco'. Preso dall'emozione dico ad alta voce: 'Santità'".

L'intercessione di Papa Wojtyla

"Era il 2013 - prosegue - Nella lettera chiedevo scusa per quello che avevo fatto, chiedevo preghiere per i miei colleghi di lavoro che mi hanno accettato nonostante quello che ho fatto, chiedevo una preghiera per chi opera per la pace. Don Guido Todeschini, il mio padre spirituale, ha consegnato la lettera al Papa e qualche giorno dopo il Pontefice mi ha chiamato".

Maso rivela di aver goduto dell'intercessione di un altro Pontefice, Giovanni Paolo II. A monsignor Todeschini "l'unico che mi tese una mano, Papa Giovanni Paolo II disse: "Vai avanti".

La verità sul delitto

Venticinque anni dopo Montecchia di Crosara, Maso dà oggi una diversa versione sul movente del delitto. "Adesso che ho scontato la mia pena lo posso dire: io non ho ucciso i genitori per soldi, perché i soldi li avrei avuti lo stesso. Dissi che il motivo erano i soldi perché nel momento in cui abbiamo commesso l'omicidio un mio amico si era fatto fare un prestito ed eravamo sotto con i soldi". "Ma ho tentato altre volte di uccidere i miei genitori, tentativi andati a vuoto, ma non ho mai pensato di uccidere per i soldi. Io sono stato tanto malato da piccolo e i miei mi dicevano: "Non andare a lavorare perché sei malato". Non uscire perché sei malato. Pensiamo a tutto noi". E' come essere gay e i tuoi non lo sanno. Ti vedono diverso, hai 13, 14 anni e stai male e non capisci perché. Allora stai in casa e soffri. Forse questo disagio potrebbe essere la risposta a ciò che ho fatto".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il nuovo Pietro Maso, visto da vicino

Il 15 aprile torna in libertà Pietro Maso. La fede, il matrimonio, un lavoro: un uomo nuovo, fuori dal carcere? Ne parliamo su Panorama in edicola dall'11 aprile

"Il male ero io"; Pietro Maso, uomo libero

Pietro Maso è tornato oggi in libertà, dopo 22 anni di carcere. Raffaella Regoli racconta la sua storia in un libro

Commenti