Cronaca

Perché nei borghi d'Italia si riscopre l'essenza dell'italianità

Sempre più turisti vengono attratti da quei piccoli paesini arroccati che trasmettono l'essenza della bellezza del nostro Paese

Il castello di Gradara in provincia di Pesaro e Urbino

Barbara Massaro

-

I borghi sono così: si scoprono viaggiando, inerpicandosi nelle vallate o scendendo a picco sul mare verso le scogliere a ridosso delle onde. Microscopiche perle di arte e bellezza italiana che sempre più spesso attraggono migliaia di turisti da tutto il mondo che oltre alle tradizionali Firenze, Roma, Milano o Venezia, vengono in Italia per assaggiare quello che di più italiano esiste: il borgo antico

Il boom del turismo nei borghi

A confermare il successo di questo tipo di turismo sempre meno di nicchia sono i dati che, nel giorno della pubblicazione dell'edizione 2018 della Guida ai borghi più belli d'Italia, arrivano dall'Istat.

Rispetto all'anno precedente i visitatori che si sono recati in quei piccoli centri con meno di 14.000 abitanti che fanno parte del circuito dei borghi d'Italia, sono cresciuti di 24 milioni di unità.

I comuni presi in considerazione sono 279 e rappresentano il 4,3% del territorio nazionale, con 1 milione e 100 mila abitanti. In questi territori l’offerta ricettiva è aumentata con 191.000 posti letto in 7.330 esercizi ricettivi.

 

Chi viene a visitare i borghi e perché

Si tratta di un turismo più nazionale che straniero perché chi arriva da lontano predilige comunque la grande città d'arte, ma il turista italiano che sceglie il borgo lo fa con consapevolezza e senza fretta fermandosi in paese una media di 3,8 giorni. Assaporare l'atmosfera del luogo, scoprire le radici gastronomiche e culturali e visitare musei e castelli sono le attività preferite dal turista che gira per borghi. 

La top 5 dei borghi più belli d'Italia

L'edizione del 2018 de La guida ai borghi più belli d'Italia è la tredicesima e, anche quest'anno, sono 279 i paesi presi in considerazione da nord a sud.

In questi borghi si svolgono 1500 eventi, ci lavorano più di 8000 operatori economici, si possono trovare e gustare oltre 800 tra piatti e prodotti tipici, hanno sede 450 musei e gallerie d’arte, ed è emesso anche un francobollo, quest’anno dedicato ad Asolo.

Come di consueto è stato anche eletto il borgo più bello d'Italia e il favore è andato a Gradara, nelle Marche, in provincia di Pesaro e Urbino dove si trova il famoso castello dove, secondo quanto racconta Dante Alighieri, hanno trovato la morte Paolo e Francesca.

Podio anche per Castroreale, provincia di Messina e Bobbio, a due passi da Piacenza. Chiudono la top five Furore in Campania e Monte Isola sul Lago d'Iseo.

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché i borghi storici vanno valorizzati e promossi

Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, spiega come le città minori e i loro dintorni possono aiutare il turismo in Italia

Le apparizioni della Madonna nei borghi meno conosciuti in Italia

Da Castelpetroso, in Molise, che festeggia 129 anni passando per gli altri santuari più piccoli dove la Vergine si è rivelata. Ecco i paesini da visitare

2017 anno dei borghi, il progetto per rilanciarli

Commenti