Cronaca

Peggio morti che bendati

L'indignazione per l'immagine del ragazzo bendato in caserma non può e non deve superare quella per la morte di Cerciello Rega

download

“Un morto, troppe ombre”. Così titolava ieri la prima pagina de La Repubblica. Occhiello: Il giallo del Carabiniere ucciso. Più sotto venivano spiegati i “dubbi sulla dinamica dei fatti”, quasi che i militari dell’Arma, uno dei quali ucciso a coltellate, avessero qualcosa da nascondere.

Più esplicita però era la riga nera conclusiva del titolo: “Foto shock dell’interrogatorio in caserma” con relativo giudizio del portavoce dei Carabinieri (“Metodi inaccettabili”).

Ecco il punto. La foto scattata a quel ragazzo è diventata la foto del giorno. E’ finita su tutti i giornali, i siti, le televisioni italiane e straniere. Cnn ha dato ampio risalto all’immagine. E via, sui social, sono partiti gli attacchi all’Arma con molti che hanno chiamato in causa il “caso Cucchi”.

Inutile dire che il gesto è sbagliato, che non c’è spiegazione, nemmeno la rabbia per aver scoperto l’assassino di un collega. Inutile dire che i Carabinieri hanno aperto immediatamente un’inchiesta interna e che il responsabile o i responsabili pagheranno. C’è però un limite all’indignazione per la foto di questo ragazzo bendato.

Ed il limite è la foto di Cerciello Lega, di un uomo ucciso da un ragazzo americano in vacanza invischiato in una storia di droga e che se ne girava per Roma armato, con un coltello.

Oggi è il giorno dei funerali del Carabiniere ucciso e verranno scattate decine di foto della sua bara.

Magari vedendo l’immagine di quella cassa di legno, con i fiori, il cappello dell’arma e dietro una famiglia distrutta capiremo che c’è un limite all’indignazione per un ragazzo bendato in una caserma; un ragazzo, un delinquente, bendato ma vivo. Nell’altra foto c’è infatti un uomo morto.

Leggi l’editoriale a pagamento sul sito de La Verità

© Riproduzione Riservata

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965