Cronaca

Pasqua, la Chiesa potrebbe unificarla con quella ortodossa

Il Papa ha aperto alla possibilità di cambiare la data delle celebrazioni. E ha ricordato che "Maria è più importante degli Apostoli"

Il Papa con il patriarca armeno Karekin II

Il Papa ha confermato la disponibilità della Chiesa cattolica, già espressa da Paolo VI, di discutere la data della celebrazione della Pasqua perché cattolici e ortodossi celebrino la stessa domenica. (Attualmente c'è una settimana di differenza, perché le due chiese usano calendari diversi, ndr). La Chiesa cattolica, ha spiegato Papa Francesco, "è disposta a rinunciare al primo solstizio, dopo la luna piena di marzo, per la data della Pasqua". Sempre parlando in spagnolo ha fatto una battuta del tipo: "Un cattolico e un ortodosso si incontrano e si chiedono: Il tuo Cristo e' risorto?. Invece il mio risorge domenica prossima".

 

"Sono contento che qui in prima fila ci siano le donne, perché anche le donne ricevono lo Spirito santo, il genio femminile nella Chiesa è una grazia, la Chiesa è donna, è "la" Chiesa, non "il" Chiesa, è sposa di Cristo, è madre del santo popolo fedele di Dio". Ha detto anche questo il Papa, intervenendo in San Giovanni in Laterano al terzo ritiro mondiale dei sacerdoti organizzato dai movimenti carismatici. "La Chiesa è donna - ha aggiunto Papa Francesco, che ha tenuto la lunga meditazione in spagnolo integrando a braccio una traccia scritta - le donne qui sono immagine e figura della chiesa della madre, esprimono in modo speciale la collaborazione, ai reclami femministi (rispondo) che Maria è molto più importante degli apostoli". Il colloquio con i sacerdoti, con prima la meditazione e poi le risposte a diverse domande, è durato quasi due ore. Dopo di che il Papa ha celebrato la messa. Tra meditazione e domande, il Pontefice ha compiuto una riflessione a 360 gradi sul ruolo dei vescovi; la prossimità del vescovo ai suoi preti; il dialogo franco che, ha ricordato, salvò l'unità nella Chiesa primitiva; la misericordia come prima caratteristica del confessore - implorando di non negare misericordia a chi chiede perdono o chiede i sacramenti pur se in posizione irregolare (e ha ricordato il caso di una ragazza madre cui a Buenos Aires è stato negato il battesimo al figlioletto); l'ecumenismo e l'ecumenismo del sangue, con anche la rinnovata disponibilità a mettere in discussione la data della Pasqua.

Il ragionamento sulla misericordia, sul non negare il perdono né i sacramenti, sul fatto che "ad impossibilia nemo tenetur", cioé che a nessuno si può chiedere l'impossibile, ha probabilmente presente le tematiche del sinodo sulla famiglia in agenda in autunno. Papa Francesco ha parlato a lungo anche della Chiesa dei poveri, di come la povertà sfidi la Chiesa e il popolo sia disposto a perdonare un prete "per una caduta affettiva o se beve un po' troppo", ma "non ci perdonano quando siamo legati ai soldi e al potere".

E, anche grazie alle domande dei presenti, ha parlato della spiritualita' africana e asiatica, del contributo che queste chiese possono dare a quella universale: "ex oriente lux, ex occidente luxus", ha detto con una battuta fulminante su come l'occidente esporti edonismo e consumismo, che ne stanno provocando la decadenza, mentre l'anima del mondo sembra essere ad oriente. Papa Bergoglio ha anche confermato che per il viaggio in Africa punta sul mese di novembre e ha rivelato che oltre a Uganda e Repubblica Centraficana si sta studiando, ma e' solo una "possibilita'", di aggiungere una tappa in Kenya. Nella omelia - anche questa a braccio e anche questa in spagnolo - della messa che ha celebrato dopo lo scambio con i sacerdoti, Papa Bergoglio ha insistito sulla necessita' che il pastore trasmetta al popolo la "tenerezza di Dio". (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Papa Francesco: "No ai sedicenti veggenti"

Un'omelia ironica e ficcante, quella di Bergoglio, contro chi privilegia l'ambiguità alla vera identità cristiana

Putin incontra il Papa: il ruolo diplomatico di Bergoglio

Multipolarismo, difesa dei cristiani, dialogo con gli ortodossi: prima e terza Roma sempre più vicine. Ma sullo sfondo resta la questione Ucraina

Abusi sessuali: la stretta di Papa Francesco

Istituito il nuovo reato di abuso d'ufficio per chi non dà seguito adeguato alle denunce. I processi vengono spostati in Vaticano

Commenti