Parla Massimo Bossetti: "Il mio incubo da mostro innocente"

All'ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, racconta a Panorama la sua vita in famiglia e le giornate in carcere: "Ho anche tentato il suicidio"

bossetti

Un'immagine di Massimo Bossetti tratta dal profilo Facebook – Credits: Massimo Bossetti/Facebook

«Sono disposto a rimanere in carcere per il resto dei miei giorni, ma nessuno mi convincerà a confessare un delitto che non ho commesso. Nessuno!».

Sul numero di Panorama in edicola da giovedì 15 giugno, parla in un’intervista esclusiva Massimo Bossetti, il muratore bergamasco condannato all’ergastolo in primo grado per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio, avvenuto il 26 novembre 2010.

Alla vigilia del processo di Appello che si aprirà il 30 giugno prossimo, Bossetti si difende dalle accuse e con Panorama ribatte – dettaglio su dettaglio – all’impianto accusatorio che l’ha condannato alla massima pena: la sua presenza sul luogo del delitto, la spiegazione delle tracce genetiche sugli indumenti della vittima , il materiale pornografico trovato sul computer di casa.

Bossetti rivela poi come, detenuto in carcere in questo periodo, abbia tentato il suicidio: «Era sabato, il giorno successivo all’udienza in cui la Pm in modo sgarbato e disumano mise al corrente il mondo intero di possibili scappatelle di mia moglie. Il pensiero mi consumava il cervello. Da un momento all’altro è come se si fosse spenta la luce nei miei occhi, un buio totale…».

Nella lunga intervista, Massimo Bossetti, racconta le lunghe giornate in carcere, dove per lui è diventato importante il rapporto epistolare con l’esterno: «Persone sconosciute, che dal momento dell’arresto mi hanno dimostrato la loro solidarietà con lettere accorate, affettuose, che sono riuscite ad aprire uno spiraglio di luce nelle mie giornate più buie e disperate…».

Con particolari e giudizi, Bossetti si concentra anche sulla famiglia, non soltanto sull’infedeltà della moglie, ma anche sulla scoperta di non essere figlio legittimo e sulla madre che ha dichiarato di essere stata inseminata artificialmente a sua insaputa. E afferma: «Mi ha ferito scoprire molte cose sulla mia famiglia... Mi ha ferito non poter assistere agli ultimi istanti di vita di mio papà: lui mi voleva accanto e mi è stato disumanamente impedito di esserci. E poi sono stato profondamente ferito con una condanna ingiusta, un ergastolo». E aggiunge: «Hanno detto che sono malvagio, sadico, con doppia personalità. Tutte accuse che chi mi conosce sa che sono lunari. Mi ritengo un uomo mite che vive per la sua famiglia».

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Caso Yara: perché Bossetti è stato condannato

Il processo per l'omicidio della ragazza di Brembate ha seguito un filo logico preciso. Che ha portato alla sentenza dell'ergastolo

Caso Yara, ergastolo per Massimo Bossetti

Il muratore di Mapello, accusato dell'omicidio della ragazza di Brembate, è stato condannato

Bossetti condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara

Caso Yara, la lettera di Bossetti alla madre e alla sorella

"Rimedierò a tutto con la mia vita" scrive l'uomo a processo per il delitto di Brembate. "Non posso accettare tutto quello che ho fatto a Marita"

Omicidio Yara, il pm chiede le lettere "hard" di Bossetti a una detenuta

Mentre i regali del muratore accusato del delitto reclamano una nuova perizia sul Dna, l'accusa vuole acquisire la sua corrispondenza

Omicidio Yara, le figurine di Bossetti per i figli

La moglie del muratore accusato del delitto ha portato in aula le raccolte che il marito avrebbe acquistato dagli edicolanti a Brembate

Bossetti in aula: "Yara? Non l'ho mai conosciuta"

È iniziato a Bergamo, in Corte d'Assise, l'interrogatorio dell'unico imputato per l'omicidio della ragazza di Brembate

Processo Yara, le domande di Marita a Bossetti, i dubbi in aula

La moglie dell'imputato racconta che il 26 novembre non ha notato nulla di strano. Ma allora perché lo tempesta di domande sulla sera in cui somparve la ragazza?

Omicidio Yara, una testimone: "Vidi Bossetti con una ragazzina"

Una donna oggi ha deposto al processo sostenendo di ricordare il muratore in auto con una ragazza di 13-14 anni

Omicidio Yara, quanto valgono le ricerche porno al computer di Bossetti

Per la procura spiegano perché avrebbe ucciso la ragazza. Per la difesa non possono essere ricondotte con certezza al muratore

Omicidio Yara: Bossetti e quelle ricerche porno sulle tredicenni

I consulenti informatici della Procura hanno presentato le perizie sul computer del presunto omicida della ragazza di Brembate

Bossetti ai funerali del padre: "Senza genitori non si è nessuno"

Il muratore accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, oggi ha partecipato alle esequie del genitore, morto a Natale

La richiesta dei legali di Bossetti: "Ai domiciliari con il braccialetto"

Delitto Yara: Bossetti tenta il suicidio in carcere

Massimo Bossetti avrebbe tentato il suicidio

Il muratore accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio avrebbe tentato di uccidersi ma è stato fermato dagli agenti

Yara, i 10 punti chiave del processo contro Bossetti

Dal dna alle ricerche sessuali nel computer, dalle celle telefoniche al centro estetico. Cosa dice la procura, come ribattono i legali del muratore

Al via il processo contro Massimo Bossetti

Commenti