Cronaca

Papa Francesco: più spazio nella società al genio femminile

L'invito del pontefice arriva durante l'udienza generale del mercoledì, dedicata al legame tra uomo e donna. Con una critica alla teoria del gender

papa_francesco

Redazione

-

Animata dalla presenza degli sbandieratori di Arezzo, l'udienza generale del mercoledì di Papa Francesco è stata dedicata al legame uomo-donna. Di seguito, ecco alcuni dei passaggi più interessanti del discorso del pontefice, che si è anche espresso per una maggiore considerazione della donna e delle capacità femminili nella società moderna.

La coppia come immagine di Dio
"Uomo e donna sono a immagine e somiglianza di Dio e questo ci dice che non solo l'uomo preso a sé è immagine di Dio, o la donna presa a sé è immagine di Dio, ma che l'uomo e la donna come coppia sono l'immagine di Dio. La differenza tra uomo e donna non è per la contrapposizione o subordinazione, ma per la comunione e la generazione, e sempre a immagine e somiglianza di Dio".

Più forza alla donna perché...
"Dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo dare più forza alla reciprocità. E' necessario che la donna non sia solo più ascoltata, ma che la sua voce abbia un peso reale e una autorevolezza riconosciuta nella società e nella Chiesa per il modo stesso con cui Gesù ha considerato la donna... in quei tempi la donna era proprio al secondo posto e Gesù l'ha considerata in modo e con una luce potente... E' una strada che porta lontano e della quale abbiamo percorso soltanto un pezzetto, ancora non abbiamo indagato in profondità quali sono le cose che ci può dare il genio femminile".

 


L'invito alla reciprocità

"L'esperienza ci insegna che per conoscersi bene e crescere armonicamente, l'essere umano ha bisogno della reciprocità, e quando non avviene se ne vedono le conseguenze. Uomo e donna sono fatti per ascoltarsi a vicenda, e senza l'arricchimento reciproco in questa relazione, i due non possono nemmeno capire fino in fondo cosa significhi essere uomo e donna. La cultura moderna e contemporanea ha aperto nuovi spazi di libertà e profondità per l'arricchimento della comprensione di queste differenze, ma anche molti dubbi e scetticismo... Mi chiedo se la crisi di fiducia collettiva in Dio, che ci fa tanto ammalare di rassegnazione, incredulità e cinismo, non sia anche connessa alla crisi dell'alleanza tra uomo e donna".

La teoria del gender? Non è la soluzione
"Mi chiedo se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione che mira a cancellare la differenza perché non sa più confrontarsi con essa. Rischiamo un passo indietro, la rimozione della differenza infatti è il problema non la soluzione... Per risolvere i loro problemi di relazione l'uomo e la donna devono invece parlarsi di più, ascoltarsi di più, trattarsi con rispetto e cooperare con amicizia".

L'esortazione agli intellettuali
"Vorrei esortare gli intellettuali a non disertare questo tema come se fosse diventato secondario, a favore di una società più libera e più giusta... Il legame familiare è una cosa seria per tutti, non solo per i credenti".

© Riproduzione Riservata

Commenti