Papa Francesco difende la politica italiana sui migranti

"Serve prudenza" dice Bergoglio di ritorno dalla Colombia. "Non solo ricevere, ma bisogna integrare". E benedice la linea Minniti

papa-francesco

Papa Francesco – Credits: Getty Images

Redazione

-

Papa Francesco non si tira indietro sul tema dei migranti e di ritorno dal suo viaggio in Colombia, come di consueto, scambia sull'aereo due parole con i giornalisti. Ma questa volta entra nel vivo di un tema delicato per la società civile: la linea dei governo italiano sui migranti e la Libia. E Bergoglio spiazza tutti. La "benedice", sottolinea che è corretta e spiega: "Un governo deve gestire tale problema con la virtù propria del governante, la prudenza. Cosa significa? Primo: quanti posti ho. Secondo: non solo ricevere, ma integrare".

Ma non solo. Il Papa è intervenuto anche sulle condizioni dei migranti che restano in Libia, e ha detto: "ho l'impressione che il governo italiano stia facendo di tutto per risolvere anche problemi che non si puo' assumere". A chi chiedeva se avesse parlato di questi temi con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un incontro dei primi di agosto, il Papa ha risposto: "l'incontro è stato personale e non su questo argomento".

Cosa ha detto il Papa

"Io sento il dovere di gratitudine per l'Italia e la Grecia" ha spiegato Francesco. "Hanno aperto il cuore sui migranti. Ma non basta aprire il cuore. Bisogna mantenere un cuore aperto, sempre, anche per un comandamento di Dio "ricevere" perchè 'tu sei stato schiavo', migrante, in Egitto. Ma un governo deve gestire questo problema con la virtù propria del governante, cioè la prudenza. Ho visto esempi qui in Italia di integrazione bellissima - ricorda Bergoglio -. Sono andato all'Università Roma Tre, mi hanno fatto domande quattro studenti. Una, era l'ultima, la guardavo: ma questa faccia la conosco. Era una che meno di un anno prima è venuta da Lesbo con me in aereo. Ha imparato la lingua, studiava biologia nella sua patria, ha fatto l'equiparazione e ora continua. Questo si chiama integrare".

Sulle condizioni disumane in cui permangono i migranti in Libia, tuttavia, il Papa riconosce che "c'è un problema umanitario. L'umanità prende coscienza di questi lager, delle condizioni in Libia, nel deserto" Il suo pensiero resta in Africa. "C'è nel nostro inconscio collettivo un motto, un principio: l'Africa va sfruttata. Dobbiamo capovolgere questo pensiero: l'Africa è amica e va aiutata a crescere".

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Migranti, perché il Trattato di Dublino sarà difficile da modificare

La lettera aperta di MsF e poi la Corte di Giustizia Ue che dà ragione all'Italia sul ricollocamento. Ma l'Europa dorme e ha poco coraggio

Ci sono i migranti, non c'è lo stato

Lo stupro di Rimini è l'esempio di come non ci siamo ancora dotati di procedure efficaci per controllare chi accogliamo e manteniamo in Italia

Migranti: perché la Corte Europea boccia la politica dei Paesi dell'Est

Cosa significa per Ungheria e Slovacchia, oltre agli altri Stati riluttanti ad accettare la redistribuzione dei profughi. Cosa accade ora a Italia e Grecia

Commenti