Redazione

-

Nubifragio record lunedì mattina a Milano. Nel primo pomeriggio la situazione è però migliorata.
Sotto controllo per ora i fiumi Seveso e Lambro che stamattina sembravano a rischio esondazione.

In sole 3 ore su Milano è caduta la stessa quantità di pioggia che dovrebbe accumularsi nell'intero mese di maggio, pari a circa 90 litri al metro quadro.

Lo rilevano i meteorologi del Centro Epson Meteo. "A favorire il nubifragio - precisano - è stato anche il maggior calore trattenuto dalla città rispetto alle aree circostanti (isola di calore)".

In alcune vie di Milano il Lambro ha raggiunto il limite dei tombini, da cui l'acqua ha cominciato a sgorgare.

Sono giunte diverse segnalazione dai cittadini che hanno chiamato i centralini dei vigili del fuoco e della polizia locale.

È stato chiuso un sottopasso, in via Lombroso, e due vie, Camaldoli e Corelli, mentre una terza strada, via Vittorini, sarebbe in procinto di essere bloccata.

In particolare l'astanteria del Policlinico è stata evacuata per allagamento, e i cittadini fatti attendere in un'altra sala.

Precisa comunque l'assessore alla Sicurezza con delega alla Protezione civile della Regione Lombardia Simona Bordonali: A Milano "tecnicamente il Lambro non è fuoriuscito: si sono però verificati dei fenomeni di rigurgito idrico dai tombini dovuti alla intensità delle precipitazioni e all'insufficiente dimensionamento della rete fognaria che non è in grado di supportare la pressione dell'acqua".

Secondo l'assessore "i fiumi Lambro e Seveso sono entrambi sotto la soglia di ordinaria criticità e la Regione Lombardia sta monitorando la situazione. Rimane comunque attivo "il livello di criticità moderata (codice arancio)" per "rischio idraulico sulla zona omogena IM-09 che comprende anche il nodo idraulico di Milano".


Allerta della protezione civile
Dopo la perturbazione di lunedì, una nuova ondata di maltempo interesserà nelle prossime ore le regioni settentrionali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un'allerta meteo che prevede, a partire dal pomeriggio di oggi piogge e temporali, localmente anche molto intensi e accompagnati da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, su Piemonte e Lombardia.
Il Dipartimento ha anche valutato per oggi e domani una allerta arancione per rischio idraulico e idrogeologico sul milanese e su parte della Lombardia prealpina.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Alluvione in Germania: le foto

Tre morti per il maltempo nel sud ovest del Paese. Anche un vigile del fuoco tra le vittime

Commenti