Cronaca

Migranti in Italia, tutti i numeri del 2017

Nei primi sei mesi, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono aumentate del 14,4% le persone sbarcate. Novemila sono minori

istock migranti rifugiati immigrazione

Redazione

-

I dati del Ministero dell'Interno sui migranti arrivati sulle coste italiane nel 2017 dicono che nei primi sei mesi le persone sbarcate sono il 14,42% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Dal primo gennaio al 27 giugno scorso sono in tutto 73.380, contro i 64.133 del medesimo periodo del 2016.

Mese per mese

La comparazione mese per mese tra il 2017, (nel quale sono sbarcati 73.380 migranti fino al 27 giugno) e il 2016, nel quale, in tutto, sono sbarcate 181.426 persone è la seguente:

gennaio 4.458 unità contro le 5.273 dello scorso anno,
febbraio 8.981 contro 3.828,
a marzo 10.853 contro 9.676,
ad aprile 12.930 contro 9.149,
a maggio 22.978 contro 19.957,
a giugno 13.180 contro 22.339,
a luglio del 2016, 23.552,
ad agosto 21.294,
a settembre 16.975,
in ottobre 27.384,
a novembre 13.581,
a dicembre 8.428.

Ragazzi

I minori stranieri non accompagnati sbarcati quest'anno, fino al 22 giugno, sono stati infine 9.323: nel corso di tutto il 2016 erano stati 25.846, 12.360 nel 2015, 13.026 nel 2014.

 

Le regioni

La percentuale di distribuzione dei migranti nelle regioni italiane vede al primo posto la Lombardia con il 13%.
Seguono Lazio e Campania con il 9%.
Quindi Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna con l'8%.
La Toscana, la Puglia e la Sicilia hanno il 7% delle persone arrivate.
Poi la Calabria con il 4%;
Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche e Sardegna con il 3%.
Trentino Alto Adige, Umbria, Abruzzo, Molise hanno il 2%, la Basilicata l'1%. Chiude la classifica la Valle d'Aosta con lo 0,2%.

I porti degli sbarchi

I porti più interessati dagli sbarchi quest'anno, sempre fino al 27 giugno, sono Augusta (con 12.288), Catania (8.830), Pozzallo (7.161), Reggio Calabria (5.606), Lampedusa (5.048), Palermo (4.938), Trapani (4.742), Vibo Valentia (4.657), Messina (3.479), Crotone (3.224), Salerno (2.896), Cagliari (2.734), Napoli (1.443), Taranto (1.419), Corigliano Calabro (1.197), Porto Empedocle (750), Brindisi (539) e Bari (248).

Da quali paesi

Fra le persone arrivate ne 2017, le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco vedono al primo posto la Nigeria (con 11.988 migranti, pari al 16% del totale), quindi Bangladesh (7.459, il 10%), Guinea (7.040, il 10%), Costa d'Avorio (6.626, il 9%), Gambia (4.577, pari al 6%), Senegal (4.410, il 6%), Mali (4.068, il 6%), Marocco (3.734, il 5%), Sudan (3.297, il 4%), Eritrea (2.680, il 4%), mentre 17.501, pari al 24% del totale, hanno dichiarato altre nazionalità.

Le ricollocazioni nei paesi europei

I dati sulle ricollocazioni dall'Italia in altri Paesi europei, vedono al 23 giugno 7.282 ricollocati: in Germania 2.946 persone; 471 richieste approvate in attesa di Transfer, 1.033 richieste richieste inviate in attesa di approvazione da parte dello Stato membro individuato, 319 richieste già istruite in attesa di individuazione dello Stato membro e circa 800 potenziali ulteriori beneficiari della procedura.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché i comuni non vogliono più migranti

Nel 2017 in Italia si attendono 200 mila nuovi arrivi. E nelle amministrazioni, anche di centrosinistra, crescono le resistenze di sindaci e abitanti

Solidarietà: italiani ancora poco generosi soprattutto con i migranti

Da un sondaggio Doxa, per la Giornata del Rifugiato: solo il 2 per cento delle donazioni viene destinato alle persone che sbarcano sulle nostre coste

Migranti e profughi, tutti gli sbarchi e i naufragi del 2017

Un anno cruciale per le politiche migratorie, che segnerà la cifra record di 200 mila ingressi in Italia

Greenpeace in azione a Taormina, 21 mln di migranti ambientali ogni anno

Chi si arricchisce sulla pelle dei migranti

Dalle Ong alle cooperative, dai centri di accoglienza ai comuni, dai clan ai politici: per molti gli sbarchi sono una miniera d'oro. Su Panorama in edicola dal 18 maggio

Ong e migranti, Medici senza frontiere si difende

"Contro di noi polemiche inaccettabili". E ancora: "Una reputazione da ricostruire". Ecco i punti principali dell'audizione di fronte alla Commissione parlamentare.

Migranti: perché il Senato vuole fermare i corridoi umanitari gestiti dalle Ong

Dovranno, invece, occuparsene gli Stati o gli organismi internazionali. Lo prevede la commissione Difesa del Senato

Ong e migranti: cosa ha detto il procuratore di Trapani

Il pm Ambrogio Cartosio davanti alla commissione Difesa del Senato esclude finanziamenti illeciti e contatti con i trafficanti. Ma specifica: "Alcuni membri delle Ong sanno in anticipo dove soccorrere i barconi" - Il caso MsF

Migranti: quali sono gli interessi delle mafie secondo Zuccaro

Gli appetiti dei clan e la proposta di polizia sulle navi delle Ong. Ecco le parole del procuratore di Catania all'Antimafia e le repliche

Migranti: le Ong tra volontariato e business

Quali sono le differenze e i compiti delle non governative, come si distinguono dalle "sorellastre" governative e da quelle criminali

Ong e migranti: le accuse del procuratore Zuccaro e le smentite

I soccorritori finanziati dagli scafisti? Il pm di Siracusa nega e Stucchi va contro il collega della Lega Salvini: "Non esiste un dossier dei servizi segreti"

Migranti, perché i 5 Stelle attaccano le Ong

Il Movimento insinua legami tra le organizzazioni che soccorrono e i trafficanti in Libia. Ecco cosa dice l'inchiesta della Procura di Catania e il botta e risposta tra Luigi Di Maio e Roberto Saviano

Storie di barche e di migranti raccontate in foto

Anni di immagini di relitti scattate sulle coste del mondo dal fotografo Stefano Benazzo fanno rivivere naviganti ed emigrati

Decreto Minniti sui migranti: cosa prevede la nuova legge

Centri per la permanenza e il rimpatrio, procedure snelle per chiedere asilo e un grado di giudizio in meno per i ricorsi

Migranti: gli abusi e le violenze sulla rotta balcanica - Foto

Un rapporto diffuso dalla Onlus OXFAM denuncia brutalità quotidiane da parte delle autorità in Serbia, Ungheria, Croazia, Bulgaria e Macedonia

Migranti: solo la stabilizzazione della Libia può fermare gli sbarchi

Il nuovo piano d’azione sulla rotta migratoria del Mediterraneo centrale parte bene. Ma resta un dubbio: con chi allearsi per risolvere la crisi libica?

Migranti, così i Paesi europei non rispettano gli impegni

Nonostante gli accordi, sono ancora migliaia i rifugiati bloccati in Italia e in Grecia. E un milione potrebbero essere rimpatriati

Migranti: tra Italia e Libia c'è un accordo senza certezze

Il vertice di Malta si è concluso con un fragile patto per chiudere la via del mare ai fuggitivi diretti verso l'Europa

Sanità: Msf ammonisce l'Ue, approccio inumano a gestione migranti

Commenti