Cronaca

Migranti, così i Paesi europei non rispettano gli impegni

Nonostante gli accordi, sono ancora migliaia i rifugiati bloccati in Italia e in Grecia. E un milione potrebbero essere rimpatriati

migranti

Carla De Girolamo

-

Anche se i flussi di migranti in arrivo sulle coste del Mediterraneo orientale sono diminuiti dopo l'accordo tra Europa e Turchia, "l'Italia e la Grecia restano sotto pressione". I paesi europei quindi "accelerino i rimpatri", pena sanzioni.

Non fa sconti il commissario Ue per gli Affari interni e l'immigrazione, Dimitris Avramopoulos, che ha illustrato i tre rapporti sull'avanzamento delle politiche Ue di gestione dell'immigrazione, in vista del vertice dei leader Ue della prossima settimana.

- LEGGI ANCHE: Migranti, cos l'Europa vuole chiudere la rotta libica

- LEGGI ANCHE: Come l'Italia sta cercando di governare l'emergenza migranti

 

Il richiamo a mantenere gli impegni

Avramopoulos ha richiamato i paesi a completare lo schema di ricollocamento di 160 mila profughi da Italia e Grecia. "È possibile" ha detto "ci vuole solo la volontà politica dei paesi. Ho mandato una lettera a tutti i governi chiedendo di accelerare: il meccanismo finisce a settembre, ma il loro impegno non finisce e se non sarà rispettato dovranno pagare il conto".

"La Grecia e l'Italia hanno fatto sforzi importanti per migliorare la loro capacità e organizzare le loro procedure per rendere possibile il ricollocamento dei rifugiati" si legge anche nella lettera del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, sempre in vista del vertice. "Ora - ha scritto ancora Juncker - tocca agli altri Stati dar seguito ai loro obblighi, anche in questa parte della più ampia politica dell'immigrazione. La Commissione utilizzerà tutti gli strumenti a sua disposizione per assicurare che gli impegni siano onorati".

I 160 mila da ricollocare

Dei 160mila rifugiati da ricollocare in Europa entro il prossimo settembre da Italia e Grecia, solo poco più di 13mila hanno trovato un paese di accoglienza, nonostante tutte le raccomandazioni di Bruxelles a dividere l'impegno di ospitare i richiedenti asilo. Dall'ultimo rapporto di Bruxelles, emerge che i trasferimenti a febbraio sono stati circa 1.940. Un ritmo  ben al di sotto dell'obiettivo di almeno 3.000 trasferimenti mensili dalla Grecia e 1.500 dall'Italia. Ad oggi, i ricollocamenti sono stati in tutto 13.546, di cui 3.936 dall'Italia e 9.610 dalla Grecia, meno del 14% degli obblighi.

Virtuosi e no

Soltanto Malta e la Filandia, fino a oggi, hanno rispettato gli accordi e accolto le quote di rifugiati che Bruxelles aveva assegnato. Ci sono Paesi (Polonia, Ungheria, Austria) che per il momento non hanno accolto nemmeno un migrante. Altri ancora, come Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca e Slovacchia rispettano gli impegni in modo molto limitato. E anche Belgio, Germania e Spagna hanno smaltito solo il 10% circa delle proprie quote. Quindi, perché le azioni dell'Unione europea per gestire la crisi migratoria siano credibili, serve che "si costruisca la fiducia reciproca e sia possibile agire collettivamente quando uno stato è esposto a un alto livello di pressione migratoria". "Più riusciamo a lavorare efficacemente con i paesi terzi a un'agenda comune per affrontare all'origine le cause dell'immigrazione più grande sarà lo spazio per assicurare un sistema equo ed efficace di gestione dell'asilo e dell'immigrazione qui in Europa" ha aggiunto il presidente della Commissione.

Detenzione per gli irregolari

Secondo le stime di Bruxelles in Europa sarebbe presente un milione di migranti irregolari da rimpatriare verso i paesi di origine o transito. Una stima basata sul numero di arrivi, circa 2 milioni, e il tasso di riconoscimento delle richieste di asilo che è attorno al 50%. Il Paese che dovrebbe realizzare il maggior numero di rimpatri è la Germania, anche se ci sono dei limiti per effettuarli verso Siria e Iraq. Anche l'Italia è chiamata a giocare un ruolo importante nei rimpatri di migranti irregolari.

La protesta di Amnesty International

Bruxelles sollecita ad impedire la fuga dei migranti irregolari trattenendoli in centri di detenzione fino alla chiusura della pratica per il loro rientro, e dove la normativa nazionale preveda tempi insufficienti, si invita a sfruttare la flessibilità consentita dalla direttiva Ue (fino a 6 mesi, rinnovabile in casi eccezionali fino a 18) e a semplificare le procedure. La misura, contro cui si scaglia Amnesty International ("è un regime di detenzione crudele"), riguarda quei migranti che "lasciano intendere" di volersi sottrarre ai rimpatri, "rifiutandosi di collaborare all'identificazione o opponendosi in modo violento o fraudolento". L'Ue aiuterà Italia e Grecia "ad allestire i centri di detenzione", spiega Avramopoulos. Il Viminale ha previsto l'allestimento di Centri per i rimpatri per ogni Regione, per una capacità complessiva di 1.600 posti, prevedendo turn-over veloci. Per la legge italiana, la permanenza nei centri è in linea generale di 30 giorni, prorogabili fino a 90.



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Così si salvano i rifugiati a Lesbo

Al lavoro con i volontari che sorvegliano le spiagge dell'isola greca di fronte alla Turchia, per accogliere e mettere in salvo le persone che continuano ad arrivare

Serbia, migranti nella morsa del gelo - Foto

Il governo di Belgrado assicura di avere offerto accoglienza al caldo, ma circa 2 mila persone restano in rifugi di fortuna per paura di essere rimpatriati

Vitulano: strada sbarrata al centro per migranti ma non all'integrazione

La presidente della Proloco del paese in provincia di Benevento racconta i progetti messi in atto per favorire il dialogo e perché oggi sono ostacolati

Migranti: tra Italia e Libia c'è un accordo senza certezze

Il vertice di Malta si è concluso con un fragile patto per chiudere la via del mare ai fuggitivi diretti verso l'Europa

Commenti