Massimo Bossetti avrebbe tentato il suicidio

Il muratore accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio avrebbe tentato di uccidersi ma è stato fermato dagli agenti

Massimo Bossetti

Massimo Bossetti il giorno del'arresto – Credits: ANSA

È ancora poco chiaro l'episodio che ha visto protagonista, nella giornata di sabato, all'indomani dell'udienza del processo a suo carico Massimo Bossetti autore di un gesto autolesionista nel carcere di via Gleno, a Bergamo dove è detenuto dal 16 giugno dell'anno scorso per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio.

L'episodio, a quanto si è saputo, è stato riferito a uno dei suoi avvocati, Claudio Salvagni dalla moglie del muratore, Marita Comi che sabato è stata in carcere a trovarlo. Bossetti avrebbe cercato di ferirsi, non si sa se in modo dimostrativo, ma gli agenti di polizia penitenziaria, sollecitati tra le altre cose dai legali a prestargli particolare attenzione, l'avrebbero fermato.

Il legale è in attesa di una relazione da parte dell'Amministrazione dell'Istituto penitenziario. Il gesto, a quanto si è saputo, potrebbe essere stato determinato dalle ultime vicende accadute nel corso dell'udienza. (ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti