Cronaca

Mafia Capitale: niente rito abbreviato per Fiscon

Tra gli imputati anche l'ex dg dell'Ama, che comparirà nel maxi processo fissato per il prossimo 5 novembre

++ Mafia Roma: 44 arresti, business su immigrati ++

Redazione

-

Alle undici, nel tribunale di piazzale Clodio, si è aperto il procedimento dei primi cinque imputati, tra i quali l'ex direttore generale dell'Ama (l'azienda romana dei rifiuti) Giovanni Fiscon, da oltre vent'anni nell'azienda capitolina, che deve rispondere del reato di corruzione. Finirà nel maxi processo che partirà il 5 novembre.

Il gup Anna Criscuolo ha rigettato la sua richiesta di giudizio abbreviato condizionato.

Con lui, accusati dello stesso reato, sono a processo oggi anche l'ex responsabile del coordinamento nomadi, Emanuela Salvatori ed Emilio Gammuto, uomo vicino a Salvatore Buzzi, l'imprenditore delle cooperative sociali ritenuto dalla procura di Roma il braccio economico del cosiddetto Mondo di Mezzo.

Dovranno invece rispondere di usura gli altri due imputati oggi in udienza Raffaele Bracci e Fabio Gaudenzi, collaboratori di Massimo Carminati. L'ex Nar Massimo Carminati è considerato dagli inquirenti il capo del sistema "Mafia capitale", nel quale ci sarebbero state pressioni e corruzione sui funzionari capitolini per aggiudicarsi ricchissimi appalti, compresi quelli legati allo smaltimento dei rifiuti.

Che il sindaco dimissionario volesse essere presente al processo nel quale il Comune si è costituito parte civile era stato ribadito più volte dallo stesso Marino. Ma ieri, dopo le quattro ore passate in procura per rendere dichiarazioni spontanee sulle spese sostenute con la carta di credito del Campidoglio, il chirurgo dem aveva annunciato un ripensamento. In rappresentanza del Campidoglio ci sarà l'assessore alla Legalità Alfonso Sabella.





© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mafia Capitale: ecco come gli immigrati vengono "appaltati" alle Onlus

Sono 35 euro al giorno assegnati con bandi di gara delle Prefetture. Prezzi troppo alti che alimentano la corruzione

Così Marino si salva dallo scioglimento per "Mafia Capitale"

Via i dipendenti corrotti e nuova giunta: ecco come il Comune di Roma eviterà lo scioglimento per mafia

Mafia Capitale, la relazione del prefetto sul Comune di Roma

L'amministrazione guidata da Marino non verrà sciolta per mafia, ma quattro dipartimenti e tre municipi si avviano verso il commissariamento

Mafia Capitale, Alfano: più poteri a Gabrielli e niente commissariamento

Commenti