Lo strano modo di calcolare i premi dei vertici alle Entrate

I dirigenti di prima fascia, vincitori di concorso e non, ricevono l'8% del monte premi dei colleghi di seconda di cui sono responsabili

agenzia-entrate

L'ingresso di una sede dell'Agenzia delle Entrate - 11 aprile 2017 – Credits: ANSA/LUCA ZENNARO

Stefano Caviglia

-

Non è facile comprendere la logica del meccanismo con cui è calcolata la parte variabile della retribuzione dei dirigenti di prima fascia dell’Agenzia delle entrate. In breve: la regola è che il totale dei loro premi di risultato è pari all’8% del monte complessivo dei premi dei colleghi di seconda fascia (ovviamente molto più numerosi) da loro stessi nominati.

Da dove deriva una regola tanto bizzarra? “A delineare il meccanismo” spiega il responsabile nazionale del settore fiscale del sindacato Dirpubblica “è il decreto emesso ogni anno dal ministero dell’Economia, i cui dettagli sono poi fissati nei successivi accordi sindacali fra l’amministrazione e le sigle confederali e autonome più rappresentative”.

Del tutto assente in queste intese è la distinzione fra i dirigenti veri e propri, divenuti tali dopo aver vinto un concorso, e quelli nominati in seguito a procedure discrezionali non sottoposte ad alcun reale controllo pubblico. Differenza non da poco: i primi sono attualmente all’incirca 300 mentre i secondi, con tutte le infornate di posizioni operative assegnate all’interno e i reclutamenti effettuati con le chiamate dirette dall’esterno ammontano a più 1.200. Con i “montepremi” da destinare alle performance di entrambe le fasce dirigenziali che lievitano in proporzione.

La conseguenza paradossale è che le poche decine di dirigenti di prima fascia ricevono un premio in denaro per ogni incremento delle posizioni dirigenziale di fascia inferiore (di cui, lo ricordiamo, sono direttamente responsabili), comprese quelle avvenute in violazione dell’articolo 97 della Costituzione. È un meccanismo ragionevole? “Secondo noi assolutamente no” replica il dirigente della Dirpubblica “tant’è che abbiamo cercato in tutti i modi di farlo cambiare. Ma nonostante la sentenza della Corte Costituzione che definisce illegittime le leggi emanate dai diversi governi per sanare le promozioni effettuate senza concorso, nessuno ci ha dato retta”.

Ammesso che sia giusto legare la retribuzione dei vertici al numero dei dirigenti loro sottoposti, sarebbe almeno opportuno premiare la capacità di tenere effettivamente i concorsi previsti dalla legge a svantaggio, anche dal punto di vista retributivo, della pessima abitudine di fare i dirigenti in modo discrezionale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Agenzia delle Entrate, anno nuovo, vizi vecchi per le nomine di dirigenti

I vertici dell'Agenzia lanciano un "interpello" senza metterlo su Internet e con la dichiarata preferenza per i candidati delle direzioni centrali

Agenzia delle entrate, perché si rischia il black out

Da chiarire ci sono la nomina del nuovo direttore Ruffini, i dettagli della fusione con Equitalia e il futuro dei dirigenti fuori ruolo

Corruzione nell'Agenzia delle entrate: i casi

Non c'è anno senza arresti. L'Amministrazione: "solo lo 0,2% in tre anni su 40 mila dipendenti". Ma quanti la fanno franca?

Agenzia delle entrate: tutti i nodi da risolvere

Dal cambio al vertice tra Ruffini e Orlandi all’integrazione con Equitalia, passando alla soluzione per gli 800 dirigenti dichiarati illegittimi

Commenti