Rita Fenini

-

Dopo aver percorso 460 milioni di chilometri nello spazio dal giorno del suo lancio (avvenuto il 5 maggio scorso dalla base californiana di Vandenberg), la sonda Insight della Nasa si è posata su Marte: alla notizia dell'atterraggio è esplosa la festa al NASA's Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California

InSight - acronimo di Interior Exploration - grazie a strumenti raffinatissimi studierà i terremoti, fornirà indizi essenziali sull'evoluzione dei pianeti rocciosi del nostro sistema solare e grazie all'apertura dei pannelli solari di cui è dotata, InSight avrà 'energia sufficiente per cominciare una lunga attività di esplorazione del sottosuolo del pianeta rosso, con una sonda che ne misurerà la temperatura fino alla profondità di cinque metri e potrà rivelare in questo modo se all'interno di Marte esista una forma di calore

A bordo del lander sono in uso anche strumenti italiani, grazie alla partecipazione alla missione di Agenzia SpazialeItaliana (Asi), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn),Istituto di Astrofisica (Inaf) e Leonardo.


© Riproduzione Riservata

Commenti