La scuola di Amatrice sotto la lente dell'Anticorruzione

La gara di appalto per effetuare i lavori, secondo una prima relazione della GDF, conteneva molte irregolarità

Raffaele-Cantone

Il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone – Credits: ANSA / CIRO FUSCO

Sul tavolo del presidente dell'Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone, c'è un primo rapporto della Guardia di Finanza, otto pagine che rappresentano l'inizio di un'inchiesta sulla scuola Romolo Capranica di Amatrice, crollata sotto i colpi del terremoto. Sono già emerse le prime anomalie. La Edil Qualità, l'impresa che nel 2012 avrebbe dovuto effettuare i lavori, non era perfettamente in regola con il Soa, il certificato di validità quinquennale che garantisce l'effettiva qualità professionale della ditta. Ma il vero punto riguarda altro. Riguarda i lavori di miglioramento antisismico che avrebbero dovuto essere realizzati.  Quei lavori non sarebbero stati effettuati non per responsabilità dell'impresa bensì del Comune di Amatrice che non li aveva espressamente richiesti.

Leggi anche: 21 appalti sotto la lente dei pm

Cantone sta lavorando in due direzioni: da un lato con la Procura di Rieti che ha aperto un fascicolo sul crollo della scuola, dall'altro con la Guardia di Finanza per capire se l'appalto della scuola è stato affidato in modo regolare, rispettando le regole anticorruzione.  Il primo appalto da 511mila euro - affidato nel 2012 al Consorzio Stabile Valori di Roma fu assegnato per una riqualificazione della scuola  che riguardasse riscaldamento, impianto antincendio, pavimentazione, servizi. Il secondo appalto - di 160mila euro, affidato sempre alla stessa impresa - avrebbe dovuto invece mettere a norma antisismica tutta la struttura. Non adeguamento, ma miglioramento antisismico. Perché non fu fatto? E soprattutto perché il comune non fece espressa richiesta alla Edil Qualità affinché realizzare il miglioramento antisismico? Cantone vuole vederci chiaro. Sarà un lavoro che potrebbe durare mesi, anche perché una parte dei documenti potrebbe essere finita sotto le macerie.  

© Riproduzione Riservata

Commenti