Cronaca

Il ministro Minniti: "Sul terrorismo l'attenzione rimane altissima"

L'incontro al Viminale con i rappresenti delle forze di polizia, sicurezza e dell'intelligence all'insegna del rafforzamento della sicurezza

marco-minniti

Redazione

-

Aeroporti, porti, stazioni, musei, luoghi d'arte, luoghi di aggregazione restano in cima alla lista degli obiettivi sensibili da mantenere sotto stretta osservazione dopo l'attentato a Barcellona.

A Roma è stata inoltre sensibilizzata la vigilanza degli obiettivi spagnoli presenti e degli autonoleggi, affinché segnalino situazioni anomale. E a Milano sono scattati sopralluoghi nelle zone della movida e del centro cittadino. E' soprattutto sul territorio che si punta a rafforzare le misure di sicurezza.

Il giorno dopo l'attacco, il ministro dell'Interno Marco Minniti ha convocato al Viminale una riunione del Casa, il Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo, con i vertici delle forze di polizia, dell'intelligence e con i rappresentanti della sicurezza di Spagna a Roma.

La sintesi dell'incontro è che in Italia "il livello della minaccia non cambia", ma "l'attenzione rimane altissima". Minniti ha chiesto di tenere elevato il livello di vigilanza, rafforzando sul territorio le misure di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio e verso i luoghi che, ancora di più durante l'estate, registrano particolare affluenza e aggregazione di persone: eventi, concerti, spettacoli all'aperto, fino alle feste patronali e alle sagre.

Migliorare l'esistente

Con la riunione di oggi non sono state disposte misure ex novo. Piuttosto è stato chiesto di effettuare una sorta di check-up di quelle già predisposte dopo i precedenti attentati che hanno colpito diverse città in Europa e di procedere a un loro rafforzamento, per evitare che il livello di attenzione nel tempo possa attenuarsi.

Il ministro dell'Interno ha chiesto tramite i prefetti, e di qui, attraverso i sindaci, le polizie provinciali e municipali, una griglia di tutte le manifestazioni programmate e una verifica delle direttive già emanate perche' ne siano rispettati i contenuti: dai "filtraggi" all'ingresso delle manifestazioni pubbliche al posizionamento di barriere new jersey per chiudere le strade.

Una specifica circolare sarà emanata in tal senso alle prefetture. Nel corso della riunione del Casa sono state esaminate anche la dinamica dell'attacco di Barcellona e le sue modalità.

Il furgone usato per l'attentato e' stato noleggiato. Impossibile mettere sotto controllo tutte le procedure di questo tipo. Ma certo, a livello investigativo, la verifica incrociata di questi dati con altri, per esempio quelli delle generalità rilasciate in hotel e bed and breakfast, che già afferiscono alle questure, può risultare fondamentale per individuare elementi e situazioni sospette.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Barcellona, chi sono gli autori dell'attacco terroristico

Ucciso Younes Abouyaaqoub, l'autista del furgone sulla Rambla. Ecco i terroristi che formavano la cellula degli attacchi in Catalogna

Attentato di Barcellona: chi erano Bruno Gulotta e Luca Russo, le vittime italiane

35 anni e padre di due figli il primo, era in vacanza con la famiglia. Giovane ingegnere di 25 anni l'altro, era sulla Rambla con la fidanzata

Barcellona, attentato terrorista sulla Rambla - FOTO e VIDEO

L'Isis rivendica l'attacco. 14 morti e oltre 100 feriti

Attentati a Barcellona e Cambrils: chi sono le vittime

Sale a 16 il numero dei morti, il più piccolo ha solo 3 anni. Hanno perso la vita anche 2 italiani e un'italoargentina. L'ultima, una donna tedesca

Attentato a Barcellona, ancora per quanto l'Italia è al sicuro?

Fattori storici, strategici, geografici e anche "d'immagine" ci hanno tenuto finora al riparo dal terrorismo

Commenti