Giubileo, tutte le misure di sicurezza a Roma

Duemila uomini delle forze dell'ordine, 2.500 militari e altri 1.000 agenti. Sei aree di sicurezza intorno alle Basiliche. Droni e chiusura dei cieli

Giubileo-roma

Carabinieri a cavallo all'esterno del Colosseo nell'ambito del piano sicurezza anti terroristico per il Giubileo. Roma 23 novembre 2015. – Credits: ANSA/ANGELO CARCONI

Redazione

-

Saranno 2000 gli uomini delle forze dell'ordine in campo dall'8 dicembre a Roma, in occasione dell'apertura del Giubileo, per una giornata di "allerta massima". Dopo la strage di Parigi e il riacutizzarsi della paura attentati per mano dell'ISIS, il Ministro dell'Interno Alfano aveva spiegato le misure straordinarie di sicurezza per la città. Personale altamente specializzato di Polizia e Carabinieri è dispiegato nella città con unità cinofile e artificieri sempre in allerta.

- LEGGI QUI cosa ha detto Alfano
- LEGGI ANCHE: Tutto sul Giubileo della Misericordia

Le forze in campo

Intanto dal 7 sera alle 19 scatterà un'area di rispetto attorno al Vaticano. I pellegrini potranno accedere solo dopo un controllo con metal detector ad alta definizione (rapiscan) e da tre varchi a Piazza Sant'Uffizio, via della Conciliazione e Porta Angelica. Verranno poi rimossi tutti i veicoli in sosta nell'intera area. In tutta la città le aree di sicurezza, oltre quella attorno a San Pietro, sono sei e corrispondono alle zone a ridosso delle basiliche.

 

Saranno poi 2.500 i militari e oltre 1.000 gli agenti in servizio con 140 volanti, Seat Leon specializzate che integreranno progressivamente i dispositivi di sicurezza sia nelle aree giubilari sia nelle periferie.

Entro la fine del mese di dicembre alla polizia romana arriveranno anche 50 nuove moto e circa 100 autovetture civili.

Il dispositivo di sicurezza varato dal Questore Nicolò D'Angelo per l'8 dicembre prevede una pianificazione in zone "ad alta sorveglianza" divise in aree di servizio dove operano artificieri, cani anti-esplosivo e anche uomini dei reparti speciali.

Attenzione anche sui cieli: voli interdetti su Roma, droni pronti in caso di arrivo di oggetti non autorizzati. Previsti anche l'uso di radar e caccia intercettori per la difesa aerea. Uomini dell'esercito e dell'aeronautica militare saranno utilizzati per attuare il dispositivo. Inoltre è stata incrementata la sorveglianza e l'intervento aereo mediante l'impiego di elicotteri HH212 per l'intercettazione di velivoli a bassa velocità, di intercettori EF2000 come incremento della normale attività di difesa aerea e di un velivolo a pilotaggio remoto (Predator) per la sorveglianza delle aree sensibili della capitale.

Resta alta la paura

L'incertezza internazionale e la paura del terrorismo stanno comunque staventando i turisti anche dal Vaticano: l'indice di fiducia del viaggiatore di Confturismo-Piepoli scende a novembre a 59 punti rallentando i miglioramenti del 2015. Oltre un italiano su 3 dichiara di aver paura di andare all'estero. L'Italia sarebbe per oltre 1 italiano su 3 al centro dell'attenzione dei terroristi. Secondo l'indagine il bersaglio più probabile sarebbe proprio Roma e per 1 italiano su 2 si potrebbe verificare un attacco durante il Giubileo.


© Riproduzione Riservata

Commenti