Oggi in piazza San Marco a Venezia i funerali in forma civile di Valeria Solesin. Saranno presenti le autorità dello Stato e anche il Presidente Sergio Mattarella.

- LEGGI ANCHE: Chi era Valeria
- L'omaggio alla camera ardente di Valeria
- Tutte le vittime degli attentati

12:18 - Si sono conclusi in Piazza San Marco a Venezia i funerali di Valeria Solesin. Terminata l'esecuzione dell'"Inno alla gioia" da parte di un gruppo di ottoni de La Fenice, il feretro, della giovane uccisa dai terroristi a Parigi, seguito dai familiari, dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dalle altre autorità è stato portato a spalla verso il molo di San Marco e da qui verrà imbarcato per essere tumulato al cimitero di San Michele.

12:13 - ''Potranno dire ogni cosa, la più nobile, la più seria, ma per noi sarai sempre quello che eri: un'amica, Valeria''. È uno dei passi dei messaggi commossi che gli amici di Valeria Solesin hanno voluto dedicarle succedendosi sul piccolo palco eretto davanti al feretro. Parole che in vari modi hanno ricordato la figura della ricercatrice veneziana uccisa dai terroristi a Parigi: ricordando ora la sua determinazione, ora la sua capacità di essere sempre a disposizione degli altri; ora la forza del suo ottimismo o il senso della sua profonda amicizia. ''Eri l'amica di sempre - è stato detto - spontanea, dalla parola impulsiva a volte ruvida ma sempre pronta al dialogo, Valeria eri meravigliosa''

12:11 - ''Qualcuno ci ha detto in questi giorni che la nostra famiglia ha rappresentato un esempio di compostezza e dignità quasi che noi potessimo significare un esempio per molti. Se questo è appena lontanamente vero, dico che questo era dovuto e dedicato a tutte le Valerie e Andrea che lavorano, studiano, soffrono e non si arrendono''. Lo ha detto il papà di Valeria Solesin, Alberto, parlando durante i funerali della figlia.

12:10 - "Le parole che hai sentito, Valeria, ti accompagneranno nella tua vita eterna. Noi pensiamo che i giusti non moriranno mai". Lo ha detto Scialom Bahbout, rabbino capo di Venezia nel suo intervento al funerale civile di Valeria Solesin. "Potrai essere un grande esempio per noi - ha aggiunto -, il mondo èstato creato per persone come te che vogliono condividere il bene ricevuto". "Tu avresti potuto essere - ha aggiunto - uno dei leader che possono cambiare il mondo".

12:05 - "Chiediamo ad Allah che abbia Valeria e tutte le vittime nella sua gloria, e di aiutare la sua famiglia e di proteggere l'Europa, l'Italia e questa città dal male e di pacificare le nostre anime". Lo ha detto l'Imam di Venezia Hamad Al Mohamad ai funerali di Valeria Solesin.

"Cara Valeria la tua vita non è sprecata invano perchè aiuterà ad accendere il sole in questi paesi talmente vicini e tanto amati e martoriati". Lo hanno detto i rappresentanti della Comunità islamica veneziana che hanno voluto ribadire il "non in nostro nome". Per gli islamici con Valeria "si è persa una persona che appartiene alla nostra comunità italiana indipendentemente da etnia e religione".

11:52 -  "La forza, l'amore, la civiltà, la compostezza della famiglia Solesin non lasciano alcun dubbio su quanto meravigliosa fosse Valeria. Ci mancherà molto". Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti prendendo la parola al funerale laico della studentessa veneziana uccisa al Bataclan.

Pinotti ha poi voluto ricordare le parole dedicate a Valeria dal fratello Dario, "il più silenzioso in questa piazza", ha aggiunto. "Dario ha detto - ha ricordato il ministro - che dovremo trovare il modo di andare avanti perchè Valeria non ci perdonerebbe se rimanessimo fermi". Il ministro Pinotti ha poi ricordato come subito dopo gli attentati di Parigi, sia lei che il presidente del Consiglio Renzi abbiano cercato "le parole per spiegare ai nostri figli la morte di tanti giovani".

11:40 - "La vostra cultura ci fa inorridire ma non ci intimidisce. Ci sgomenta perchè indegna dell'uomo, ma ci fortifica nell'opporci ad essa con ogni nostra forza sul piano culturale, spirituale, umano". Lo ha detto il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia ai funerali di Valeria Solesin. "In nome di Dio - ha detto - cambiate il vostro modo d'essere. Iniziate dal cuore. Abbiate questo coraggio"

"Ciascuno di noi è qui con la sua storia, le sue idealità, il suo credo religioso o di vita ma tutti insieme vogliamo dare a Valeria, cittadina di Venezia e del mondo, l'ultimo saluto", ha aggiunto. "Increduli per quanto l'irrazionalità dell'odio ha compiuto a Parigi oggi ci troviamo riuniti in questa Piazza e sullo sfondo c'è la Basilica, entrambe intitolate all'evangelista Marco. Piazza e Basilica sono simboli universali di Venezia, città-ponte tra culture differenti e differenti popoli".

"Carissima Valeria, il pensiero, dopo che alla tua umanità generosa, intelligente e volitiva - ha proseguito - va alla tua famiglia, in particolare a mamma Luciana, a papà Alberto, a Dario e Andrea. Ci siete diventati cari e ci spiace non potervi aiutare come vorremmo. La vostra dignità ci sorprende e fa riflettere".

"Carissima Valeria, l'ultimo pensiero è per te. Ci lasci come tuoi valori il tuo impegno nello studio e nel volontariato, il tuo desiderio di spenderti per una società più giusta. E in questo momento di commiato, ti offro insieme alla Chiesa che è in Venezia, con tutte le confessioni cristiane presenti in questa città unica e universale, l'umile gesto della nostra preghiera e la benedizione del Signore come è stata richiesta".

11:40 - ''Condivido il dolore della famiglia, famigliari e di tutta l'Italia. Valeria era venuta da noi in Francia per amore della vita e della cultura e ha trovato la morte sotto il fuoco dei terroristi''. È il messaggio del Presidente Francoise Hollande letto durante i funerali di Valeria Solesin

11:25 - ''Ringrazio i rappresentanti delle religioni, cristiana, ebraica e musulmana, presenza compiuta in questa piazza e simbolo del cammino degli uomini nel momento in cui il fanatismo vorrebbe nobilitare il massacro con il richiamo ai valori di una religione''. Lo ha detto Alberto Solesin, prendendo la parola ai funerali della figlia Valeria.

"Se è lontanamente vero quello che è stato detto in questi giorni che la nostra compostezza è stata un esempio per il Paese, ciò era un atto dovuto" ha continuato il padre. Alberto Solesin ha poi voluto ringraziare l'ambasciatore italiano a Parigi e l'unità di crisi della Farnesina per l'aiuto prestato alla famiglia e "la vicinanza umana".

Ha quindi ringraziato il Presidente della Repubblica ''che ha voluto - ha detto - con la sua presenza dare un segno di unità nazionale. E ringrazio le istituzioni di questo Paese con il Ministro Pinotti qui presente e il sindaco di Venezia''. ''In Francia - ha aggiunto - Valeria ha iniziato a definire il suo progetto di vita spinta dalla curiosità del mondo. Ripensando a mia figlia - ha proseguito - non voglio isolare la sua immagine dal contesto nel quale viveva a Parigi, l'istituto di demografia, l'università, il bistrot dove amavano incontrarsi tanti ragazzi e ragazze come Valeria, gioiosi, operosamente rivolti verso un futuro che tutti come lei vogliono migliore''.

11:15 - La bara con il corpo di Valeria Solesin coperta da un cuscino di fiori bianchi, è stata deposta sopra una pedana rialzata di fronte alla basilica di San Marco. I genitori di Valeria, il fratello, Dario, ed il fidanzato, si sono avvicinati al feretro per una carezza. Poi in piazza sono risuonate le note dell'inno italiano, seguito da quello francese. La mamma di Valeria e il fratello, come tanti altri in piazza, hanno ceduto alla commozione.

11:03 - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è giunto in Piazza San Marco per presenziare ai funerali di Valeria Solesin. Tra i presenti anche la moglie del Presidente del Consiglio, Agnese Renzi, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il governatore del Veneto, Luca Zaia, e il fondatore di Emergency, Gino Strada. Appena giunta in piazza, la signora Renzi si è recata a salutare i famigliari di Valeria.

10:52 - Piazza San Marco - dove si attende l'inizio dei funerali di Valeria Solesin - è presidiata da un folto cordone di forze dell'ordine. La situazione sul fronte della sicurezza appare del tutto tranquilla. Uomini di polizia e carabinieri spuntano anche dai tetti dei palazzi dell'area Marciana, per controllare la zona dove si terrà la cerimonia funebre. L'accesso all'area di San Marco è regolato da stretti varchi nei quali gli uomini della sicurezza controllano l'afflusso delle persone utilizzando anche i metal detector

10:45 - Il feretro di è stato fatto uscire alle 10.27 dalla camera ardente nell'androne di Ca'Farsetti sede del municipio a Venezia. La bara è stata caricata su una gondola con quattro rematori che la stanno portando verso Piazza San Marco per i funerali civili lungo il Canal Grande

 

10:30 - "Valeria è come se fosse una nostra figlia. Siamo presenti oggi per dire che non è stata uccisa in nome del nostro Dio ne in nome della nostra religione, ne in nostro nome". Lo ha detto il presidente della comunita' islamica di Venezia, Mohamed Amin Al Ahdab, mentre si sta recando in Piazza San Marco dove si celebreranno tra poco i funerali di Stato di Valeria Solesin. "Siamo presenti in piazza in questo funerale - ha aggiunto - per stare vicini, per solidarieta', per condividere con la citta' amori e dolori. Questo e' un fatto che ci addolora veramente tantissimo".

Comincia a riempirsi piazza San Marco a Venezia dove alle 11 inizieranno i funerali con rito civile di Valeria Solesin, la studentessa uccisa nella strage del Bataclan. La giornata a Venezia è radiosa, ma nell'area Marciana sono presenti vaste zone allagate dall'acqua alta che oggi interessa la citta' e che dovrebbe pero' calare tra breve. Per questo si attende ancora di allestire l'area ai lati della pedana sui quali verra' deposto il feretro di Valeria. Al momento l'acqua alta e' a 83 centimetri sopra il medio mare.

© Riproduzione Riservata

Commenti