Il giorno dei funerali di Salvatore Failla e Fausto Piano, i tecnici della Bonatti uccisi otto giorni fa in Libia dopo essere stati sequestrati con altri due colleghi nel luglio scorso. 

I funerali si sono svolti quasi in contemporanea nei rispettivi paesi d’origine: a Carlentini, in provincia di Siracusa, e a Capoterra, nel cagliaritano. 

Esequie in forma privata per volontà delle famiglie, che hanno rifiutato la cerimonia di Stato. 

Accanto alle vedove e ai figli di Failla e Piano si sono stretti anche i due operai scampati alla morte dopo essere riusciti a liberarsi il giorno dopo l’eccidio: Filippo Calcagno, che da Piazza Armerina (Enna) ha raggiunto Carlentini, e Gino Pollicardo, che dalla Liguria è volato in Sardegna. 

A Carlentini, dove l’amministrazione comunale ha proclamato il lutto cittadino, centinaia di persone hanno sfilato fin dalle prime ore del mattino davanti all’altare della Chiesa di Santa Tecla, dove era stata allestita la camera ardente. 

Al rito funebre ha assistito anche il Governatore della Sicilia Rosario Crocetta, che però non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione: “È un momento di dolore — ha detto — e il dolore va rispettato”. 

I funerali sono stati celebrati dall’arcivescovo di Siracusa, monsignor Salvatore Pappalardo, che nella sua omelia ha invitato i fedeli a pregare “perche’ il Signore dia conforto e consolazione ai familiari che si sono visti strappare in maniera tragica il loro caro dalle mani violente di qualcuno”. 

Ad ascoltare le parole del presule, sedute in prima fila, la vedova di Failla, Rosalba Scorpo, e le due figlie, Erika, di 22 anni, ed Eva, di 14. 

L’uscita del feretro dalla Chiesa è stata accompagnata da un lungo applauso e dalle grida strazianti della mamma di Failla, Pina: “Ridatemi mio figlio, perché me l’hanno ucciso?”. 

Un dolore analogo a quello della famiglia Piano che ha seguito in silenzio il rito funebre, celebrato dall’arcivescovo di Cagliari Arrigo Miglio nel Palazzetto dello sport di Capoterra. 

Una struttura che pure non è riuscita a contenere tutte le persone che hanno voluto manifestare il loro cordoglio alla moglie dell’operaio, Isabella, e ai figli Giovanni, Maura e Stefano. 

Al termine della cerimonia tutto il paese ha voluto salutare i familiari. Nonostante la fitta pioggia in migliaia hanno seguito il feretro nel tragitto verso il cimitero. Durante il corteo funebre tante strette di mano anche a Gino Pollicardo, che non ha mai abbandonato nemmeno per un attimo i familiari del collega ucciso. Nessuna parola con i giornalisti per rispettare la linea del silenzio. 

Poi, nel cimitero di Capoterra, così come in quello di Carlentini, l’ultimo saluto a Fausto e Salvatore, vittime innocenti di una tragedia ancora senza risposte.

(Ansa)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Libia, liberi gli altri due ostaggi italiani - Video

Gino Pollicardo e Fabio Calcagno, rapiti a luglio con Piano e Failla, sono stati liberati. "Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia"

Piano e Failla, chi erano gli ostaggi italiani morti in Libia

I due dipendenti della società di costruzioni Bonatti avevano le famiglia in Sardegna e Sicilia. Lavoravano all'estero da molti anni

Libia: buio fitto sul sequestro di Pollicardo e Calcagno

Dall'identità dei rapitori al pagamento del riscatto, fino alla dinamica della liberazione: niente è chiaro nel rapimento dei due connazionali

Libia: i parenti di Failla rifiutano il funerale di Stato

La moglie e la figlia 23enne del nostro connazionale ucciso dopo 8 mesi di prigionia accusano il governo di averlo abbandonato al suo destino

Commenti