Cronaca

Omicidi e suicidi su Facebook: quei casi che non dovrebbero andare in rete

A pochi giorni dal caso di Cleveland, a Phuket un giovane di 21 anni posta il video dell'orrore compiuto che resta online per 24 ore

omicidio-suicidio-facebook-live

Chiara Degl'Innocenti

-

Ha impiccato la figlia di 11 mesi e poi si è suicidato. Tutto in diretta, su Facebook.

Cos'è successo

L'assassino-suicida è un uomo thailandese di 21 anni che, per portare a termine il suo progetto di morte, si è chiuso nella squallida camera di un hotel abbandonato insieme alla figlia di pochi mesi. Questo è quanto è avvenuto il 25 aprile.

Perché è accaduto

Il giovane si chiama Wuttisan Wongtalay e il suo gesto mostruoso lo ha commesso nella vivace e turistica isola di Phuket. Dopo l'ennesimo litigio con la moglie decide di punirla, prima uccidendo la sua piccolina per impiccagione e poi togliendosi la vita in diretta su Facebook Live. 

Il lato oscuro della rete

I familiari hanno visto il video sui social network e subito hanno avvisato la polizia, ma quell'orrore è rimasto online almeno 24 ore, rilanciato da diversi profili Facebook e postato su Youtube con ben 2.351 visualizzazioni, prima della rimozione completa.

E questo non è un caso isolato. Quello thailandese segue di pochi giorni l'omicidio di Cleveland avvenuto il 17 aprile e che già aveva scatenato le proteste della rete sollevando i dubbi sull'uso dei social network (anche se questo non era stato postato sulla diretta).

LEGGI ANCHE: Cleveland e il killer di Facebook

La risposta di Facebook

Facebook, che definito l'accaduto "scioccante" ha inviato le sue condoglianze alla famiglia del 21 enne sostenendo: "Non c'è assolutamente nessun posto per contenuti di questo genere su Facebook e adesso è stato rimosso".

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti