Cronaca

Agente: "Potevamo fermare i black bloc ma il funzionario ha detto di no"

Era di servizio il primo maggio a Milano: "Bastava spostare un po' di uomini e li avremmo chiusi"

Clashes during a protest against the Expo 2015 fair in Milan

"Ci sono stati dei momenti in cui tutti noi sapevamo che si potevano prendere, fermare. Ma il funzionario ha detto no. Era un ordine e noi agli ordini dobbiamo obbedire. Ci sono alcuni funzionari che i gradi sembrano averli vinti con i punti delle merendine". Così un agente di polizia, in servizio a Milano il primo maggio, in un'intervista a Qn.

 

"A un certo punto li avevamo chiusi in una piazza. In quel momento i black bloc si potevano bloccare, se ne potevano fermare parecchi. Bastava spostare un po' di uomini e si potevano chiudere del tutto. È vero che avremmo sguarnito il presidio verso la Scala, ma si poteva ridislocare solo una parte degli agenti", racconta l'uomo, osservando che "già dalla vigilia si sapeva che l'orientamento era di evitare il contatto a tutti i costi". "Fa rabbia vedere la gente che piange perché ha il negozio distrutto. La gente che ti chiede perché non li hai fermati", commenta l'agente. "Veniamo addestrati per fare queste cose, ma se poi non le dobbiamo fare perché ci addestriamo?"

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Black Bloc all'attacco nel giorno di Expo 2015 - Foto - Video

I teppisti vestiti di nero si sono appropriati del corteo #NoExpo e hanno devastato il centro di Milano

Black bloc: perché ha fallito il nostro apparato di sicurezza

Si sapeva da settimane che gli antagonisti europei avrebbero scatenato la guerra contro Expo: ma politica e magistratura hanno guardato dall'altra parte

Commenti