Rita Fenini

-

Invitati d'onore al "Concerto dei poveri per i poveri” tenutosi ieri nell’ Aula Paolo VI in Vaticano. Non i potenti della terra, ambasciatori, capi di stato e cardinali, ma il popolo dei diseredati: poveri, clochard, indigenti, ammalati, contenti e frastornati per l'ennesimo gesto d'affetto di Papa Francesco. A questo "popolo variegato", l'Orchestra Filarmonica Salernitana e il Coro della Diocesi di Roma, guidati dal maestro Daniel Oren, hanno regalato due ore di grande spettacolo e di intensa emozione. Dopo l'apertura in San Pietro delle docce e della barberia, i poveri si vedono aperte anche le porte della musica.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Papa Francesco, il nuovo leader dell’America latina

Defilatosi Fidel Castro, venuto a mancare Chavez, uscito di scena il brasiliano Lula, il continente sudamericano si affida a Bergoglio

Oltre il genocidio armeno: Papa Francesco rompe ogni silenzio

Turchia, Francia, Ucraina, Messico, Cile: dopo due anni di pontificato, la luna di miele tra Bergoglio e la diplomazia mondiale sembra essere finita

Papa Francesco: più spazio nella società al genio femminile

L'invito del pontefice arriva durante l'udienza generale del mercoledì, dedicata al legame tra uomo e donna. Con una critica alla teoria del gender

Papa Francesco: per il concerto in Sala Nervi, i posti d'onore ai poveri

Ai concerti in Vaticano, i posti d'onore erano da sempre riservati ai capi di Stato e delle Istituzioni. Ora Papa Bergoglio cambia tutto

Commenti