Cronaca

Caso Varani: intervista esclusiva a Marco Prato

"Non ho ucciso, ho lasciato che il massacro si compiesse". Le parole dell'accusato per l'omicido di Luca Varani su Panorama in edicola dal 23 marzo

marco-prato

Marco Prato nella foto del suo profilo Facebook – Credits: Facebook/ Marco Prato

"Io non ho ucciso Luca, non sono stato io a colpirlo con il martello e con i coltelli. La verità è che non ho avuto il coraggio di fermare Manuel, ero succube della sua personalità". A parlare è Marco Prato, accusato dell'omicidio di Luca Varani insieme a Manuel Foffo, in un'intervista esclusiva a Panorama, in edicola da giovedì 24 marzo.

Per la prima volta dal giorno del delitto del Collatino, a Roma (il 3 marzo 2016), il trentenne racconta la sua verità dal carcere di Velletri, dove è rinchiuso in attesa del processo che si aprirà il 10 aprile in Corte d'assise (Foffo è già stato condannato a 30 anni con rito abbreviato). "Gli eccessi di una vita o di una piccola parte di essa" racconta Luca a Panorama tramite i suoi legali "mi hanno esposto a qualunque incontro e rischio nella spasmodica ricerca dell'uomo che, come Manuel, suonasse le corde giuste o forse sbagliate".

Prato entra nel dettaglio: "Ho subito volontariamente tanta violenza per assecondare maschi eterosessuali di cui ero invaghito e che mi facevano sentire femminile. Quando particolari così pruriginosi diventano pubblici, sono utili alla coscienza collettiva per puntare il dito anziché guardarsi allo specchio".

Che cosa direbbe a Foffo? "Manuel, abbandona l'odio" risponde Marco Prato a Panorama. "Così come mi hai lasciato andare a morire, ora lasciami vivere e restituisci la verità".

© Riproduzione Riservata

Commenti