Camorra Roma: arresti e sequestri beni per 10 milioni di euro

I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 61 persone. E sequestri di esercizi commerciali, società e immobili

++ Camorra a Roma: sequestro beni per 10 milioni euro ++

Una delle persone arrestate dai carabinieri nel corso di una operazione anticamorra a Roma, 10 febbraio 2015 a Roma. – Credits: ANSA/Massimo Percossi

Redazione

-

I Carabinieri stanno eseguendo da stamattina un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 61 persone, a conclusione di un'indagine che ha portato all'individuazione di un'organizzazione per delinquere di matrice camorristica operante nella zona sudest di Roma.
Si susseguono arresti e perquisizioni anche in diverse località di Roma e provincia, Frosinone, Viterbo, L'Aquila, Perugia, Ascoli Piceno, Napoli, Caserta, Benevento, Avellino, Bari, Reggio Calabria, Catania e Nuoro.
Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsioni, usura, reati contro la persona, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita, fittizia intestazione di beni, illecita detenzione di armi, illecita concorrenza con violenza e minacce, commessi con l'aggravante delle modalita' mafiose e per essere l'associazione armata. L'operazione e' scattata a conclusione di un'indagine del Nucleo investigativo del Reparto operativo del Comando provinciale Carabinieri di Roma, che ha portato all'individuazione di un'organizzazione per delinquere di matrice camorristica operante nella zona sudest di Roma in varie attivita' illecite, capeggiata, fino al suo arresto per associazione mafiosa e omicidio, da Domenico Pagnozzi, attualmente detenuto in regime di 41 bis.
L'operazione è eseguita dai carabinieri del Comando provinciale di Roma e dei comandi dell'Arma territorialmente competenti. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma - Direzione distrettuale antimafia. 
A Ercolano (Napoli) i carabinieri stanno eseguendo ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip di Napoli, nei confronti di quattro affiliati ai clan Birra - Iacomino e Ascione - Papale. Nel corso di indagini, coordinate dalla Dda, i carabinieri hanno individuato mandanti ed esecutori di tre omicidi nell'ambito di uno scontro armato tra i due gruppi camorristici con l'assassinio di due affiliati ai Birra - Iacomino e di uno agli Ascione - Papale.
Nel frattempo sono in corso sequestri di beni per un valore di circa 10 milioni di euro da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Roma nell'ambito dell'operazione che ha smantellato un'organizzazione di matrice camorristica attiva nell'area sud-est della Capitale. I beni sequestrati sono riconducibili ad alcuni dei 61 arrestati. In particolare ci sarebbero numerosi esercizi commerciali e societa' romane, immobili, ma anche rapporti finanziari e veicoli per un valore stimato di 10 milioni di euro.
Si tratta di sequestri di prevenzione finalizzati alla confisca, eseguiti sulla base di provvedimenti emessi dal Tribunale di Roma su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.


Fonte: Ansa

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Io speriamo che me la cavo (dalla camorra)

"Ci vorrebbe più polizzia". "I figli dei camorristi saranno anche loro camorristi". "I boss si credono dei re, ma non sono nessuno". A Castellammare di Stabia scuole elementari e medie impegnate nel tema in classe. Oggetto: le cosche. Nella vita di ogni giorno.

"Mettetevi d'accordo con la camorra"

Il disperato appello di un imprenditore taglieggiato dalla criminalità organizzata che dopo 13 anni non ha ancora ottenuto giustizia: «Sembra allucinante ma parlare con un boss è più facile e produttivo che parlare con lo Stato o i suoi rappresentanti»

Commenti