Redazione

-

Un ordigno rudimentale è stato fatto esplodere alle 4.30 davanti alla sede della Polgai (Scuola di Polizia Giudiziaria Amministrativa Investigativa della Polizia di Stato) a Brescia. Non ci sono stati feriti, ma solo danni limitati a un portone, che affaccia direttamente in strada, e una finestra.

A deflagrare è stata una bomba fabbricata con una pentola a pressione, riempita di polvere pirica. Gli investigatori sono al lavoro per capire se il "detonatore" sia stato innescato a mano o a distanza, tramite un comando elettrico. Intanto le indagini si sono già concentrate sull'ambiente anarchico. 

A condurre gli investigatori in questa direzione, un documento che inneggiava ad azioni apparse a novembre sul web. INfatti, circa un mese fa, su internet e' stato fatto circolare un documento dal titolo 'Prigioni greche per una nuova posizione di lotta dell' insurrezione anarchica per un dicembre nero'.

Nel documento si faceva riferimento a "un mese di azioni coordinate per conoscerci tra noi, uscire in strada e distruggere le vetrine del grandi magazzini, occupare scuole, universita' e municipi, distribuire testi che diffonderanno un messaggio di ribellione".  

Non solo. Sempre all'interno di questo documento si invitava a "piazzare ordigni esplosivi contro fascisti e padroni, esporre striscioni su ponti e strade, sommergere le citta' di manifesti e volantini, far saltare le case dei politici, lanciare molotov contro la polizia".  E questa esortazione a piazzare bombe "per un dicembre nero", potrebe essere effettivamente il legame con la pentaola a pressione fatta esplodere davanti alla Pol. G.A.I..

La campagna "Dicembre nero", nelle intenzioni del promotore, dovrebbe servire come "detonatore della ripresa dell'insurrezione anarchica dentro e fuori le prigioni".

Intanto, le videocamere della zona avrebbero ripreso un uomo dal volto coperto, apparentemente giovane e atletico, mentre deponeva l'ordigno. E proprio da queste immagini sono iniziate le indagini che, assieme ad elementi importanti contenuti nel documento trovato siul web, potrebbero portare presto all'individuazione dei colpevoli.

La Pol.G.A.I. è la Scuola di Polizia Giudiziaria Amministrativa Investigativa della Polizia di Stato ed è stata istituita ufficialmente nel giugno del 1967. "La Scuola, specializzata nell'insegnamento delle tecniche di polizia giudiziaria, criminale e investigativa - si legge nel sito della Polizia - ha come obiettivo primario quello di trasmettere conoscenze, competenze abilità all'investigatore della Polizia di Stato per meglio utilizzare tutti gli strumenti giuridici, tecnici operativi ed interdisciplinari disponibili per il contrasto ai fenomeni criminali".

La Polgai si trova a Brescia all'interno di un grande complesso con 270 posti letto, aule studio e aree polifunzionali tra cui un poligono di tiro di 50 metri e sale per la simulazione delle tecniche investigative.

© Riproduzione Riservata

Commenti